Yamaha SuperTénéré Worldcrosser

L'Africa e i suoi deserti a portata di mano. Il sogno di Yamaha con la SuperTénéré diventa realtà: la Worldcrosser non è più un semplice prototipo

21 gennaio 2012 - 17:01

Dal prototipo alla serie il passo è stato breve. Meno di un anno per vedere finalmente la versione cattiva della Yamaha SuperTénéré. Si chiama Worldcrosser Competition White ed è un allestimento creato su misura per la maxi enduro giapponese e presentato in occasione del Bike Expo 2012. Unica colorazione disponibile quella bianco-rossa voluta anche per festeggiare i cinquant’anni di competizioni di Yamaha.

Nessuna rivoluzione meccanica e ciclistica accompagna questa versione della Yamaha SuperTénéré, che mantiene tutte le caratteristiche del modello standard, a partire dal motore bicilindrico parallelo da 1.199 cc e 110 cavalli di potenza abbinati alla doppia mappatura e l’acceleratore (YCC-T) drive by wire con tre modalità di controllo di trazione.

Anche la ciclistica resta fedele al progetto iniziale: forcella e monoammortizzatore sono regolabili, come del resto, a proposito di posizione di guida, l’altezza della sella. Riconoscere la Worldcrosser è facile: basta osservare i numerosi componenti in fibra di carbonio (prodotti in Italia) e le parti in alluminio poste a protezione del telaio e del basamento motore.

Chi non si accontenta della “semplice” versione “offroad oriented” sappia che esiste un ulteriore step di avanzamento definito WC-R: comprende lo scarico in titanio Akrapovic, indicatori di direzione a LED e proiettori alogeni supplementari.

Il prezzo della Yamaha SuperTénéré Worldcrosser Competition White è di 15.690 euro contro i 14.390 euro della versione stradale; il kit sarà acquistabile a parte, quindi per chi già possiede un esemplare della endurona giapponese, da maggio 2012 presso la concessionaria Yamaha di fiducia, che si occuperà anche del montaggio. Per l’allestimento R si devono aggiungere 1.262 euro.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Kymco Agility 300i ABS: versatile e potente

Yamaha MT-125 2020, arriva il motore a fasatura variabile

KSR Group, un mondo a due ruote