Prova Goodyear Eagle F1 Asymmetric 3 SUV

I nuovi Goodyear Eagle F1 Asymmetric 3 SUV sono pneumatici ad alte prestazioni dedicati alle auto più in voga di questi tempi: i suv. Eccezionali le doti di tenuta, su asfalto asciutto e bagnato.

28 maggio 2018 - 11:05

  LIVE  
Quali sono i modelli di auto più in voga? I dati parlano chiaro: piacciono i SUV, oggi disponibili in tante forme, cilindrate e fasce di prezzo. Comodi, spaziosi e con la sempre più apprezzata posizione di guida rialzata, hanno spesso masse che sfiorano o superano le due tonnellate. Non poco, soprattutto per le componenti meccaniche a cui tocca gestire la conseguente inerzia. Ecco perché Goodyear ha sviluppato per i SUV gli Eagle F1 Asymmetric 3 SUV, pneumatici pensati e realizzati specificamente per questa tipologia di veicoli.

Per raccontare per filo e per segno l’intero sviluppo dei Goodyear Eagle F1 Asymmetric 3 SUV non basterebbe una tesi d’ingegneria. Ci proviamo in poche righe, spiegando le principali tecnologie applicate. La prima si chiama ActiveBraking e prevede un profilo dello pneumatico tondeggiante. Così, in assenza di carico, la resistenza al rotolamento è molto bassa (con conseguenti minori consumi e aumento della vita utile), mentre in caso di frenata la gomma si schiaccia sull’asfalto, garantendo un’elevata impronta a terra. Che significa più grip in frenata e quindi spazi d’arresto più competitivi.

La seconda tecnologia si chiama Grip Booster. Il nome non mente: grazie a una mescola tutta nuova che prevede l’utilizzo di speciali resine, i Goodyear Eagle F1 Asymmetric 3 SUV “copiano” con precisione le piccole irregolarità dell’asfalto, creando un effetto ventosa. I risultati, certificati dall’ente tedesco TUV, raccontano di un notevole livello di tenuta laterale e longitudinale, anche su asfalto bagnato.

L’ultima e forse più importante novità si chiama SUV Optimized Construction. Grazie ad alcuni accorgimenti come le corde realizzate con un mix di aramide e nylon, le Goodyear Eagle F1 Asymmetric 3 SUV hanno una struttura molto resistente alle deformazioni: riescono quindi a contrastare le citate masse e inerzie tipiche dei SUV. Così migliorano la tenuta di strada e la vita utile dello pneumatico, perché l’usura è omogenea e non localizzata in pochi punti critici.

Ecco le misure disponibili (alcune non da subito):

235/50 R18 – 275/45 R20 – 275/45 R21 – 255/55 R18 – 255/45 R19 – 265/45 R20 – 315/35 R20 – 255/40 R21 – 295/35 R21 – 235/60 R18 – 255/45 R20 – 275/40 R22 – 235/45 R19 – 235/55 R19 – 275/45 R19 – 275/40 R20 – 275/40 R21 – 295/40 R21 – 275/35 R22 – 295/35 R22 – 285/45 R19 – 245/45 R20 – 275/55 R19 – 255/50 R20 – 265/40 R21 – 275/50 R20
255/60 R18

  DRIVE  
Teatro di prova dei nuovi Goodyear Eagle F1 Asymmetric 3 SUV è il circuito di Mireval, in Francia, dove il gruppo Goodyear-Dunlop collauda tutti i suoi pneumatici, compresi quelli per moto. Un luogo sterminato e quasi mistico per un appassionato di motori, che offre spazi dedicati alle prove di handling e altri alla frenata d’emergenza su bagnato.

L’auto scelta per mettere alla frusta i nuovi Goodyear Eagle F1 Asymmetric 3 SUV è la Range Rover Velar (2.0 turbodiesel da 300 cv), SUV che supera di slancio le 2 tonnellate. La prima prova si svolge su una pista allagata con curve a medio raggio.

Pochi metri e stiamo già spingendo come su asfalto asciutto. Le Goodyear Eagle F1 Asymmetric 3 SUV stridono ma non cedono: incredibile la capacità di rimanere ancorate alla traiettoria ideale. E quando il grip viene meno non ci sono reazioni brusche al volante: l’imponente Velar telegrafa al pilota le eventuali perdite di aderenza, permettendo di correggere con largo anticipo.

Nella prova successiva si guida su pista asciutta. Frangente potenzialmente critico per auto come la Velar, che in frenata e in curva carica tutta la sua imponente massa sull’avantreno. I Goodyear Eagle F1 Asymmetric 3 SUV resistono senza contorcersi troppo, anche entrando in curva con i freni ancora azionati: il sottosterzo è dietro l’angolo ma non è mai eccessivo. Notevole il grip, laterale e longitudinale, come pure la capacità di comunicare in anticipo le reazioni al pilota.

L’ultimo esercizio è un grande classico: lo slalom tra i birilli. In questo caso, però, dovremo affrontarlo alla velocità più alta possibile, lottando contro il cronometro ci consentirà di confrontarci tra colleghi. Cambio in modalità Sport, si parte a tutta: i primi due birilli vengono affrontati con precisione chirurgica dalla Velar, che carica con ferocia tutta la sua mole sui Goodyear Eagle F1 Asymmetric 3 SUV. I cambi di direzione sono rapidi e lo sterzo rimane preciso, ma dopo il terzo birillo fa capolino un prevedibile ma marcato sottosterzo: serve alleggerire un po’ il gas per ritrovare la linea corretta.

Dopo 20, intense tornate affrontate a tutto gas, gli Eagle F1 sono roventi e leggermente affaticati, ma hanno un bell’aspetto: i segni di usura sono distribuiti su tutta l’ampiezza del battistrada e non su pochi punti critici. Considerando che li abbiamo strapazzati come mai avverrà nella loro vita normale possiamo affermare che la tecnologia SUV Optimized Construction funziona!

Le nuove Goodyear Eagle F1 Asymmetric 3 SUV ci sembra abbiano tutte le caratteristiche per diventare uno dei modelli di riferimento tra i pneumatici per SUV anche ad alte prestazioni. Asciutto, bagnato o asfalto rovinato: nelle condizioni di prova hanno offerto un ottimo livello di trazione e tenuta di strada. Anche la silenziosità di marcia a velocità costante è di buon livello.

 

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Nuova Nissan Juke, tutto quello che sappiamo finora

Ford EcoSport
Bottigliette di plastica? Sì, grazie 

Mercato auto: in estate gli italiani “riscoprono” cabrio e spider nell’usato e fra le km zero