2  LIVE  

Quali sono i modelli di auto più in voga? I dati parlano chiaro: piacciono i SUV, oggi disponibili in tante forme, cilindrate e fasce di prezzo. Comodi, spaziosi e con la sempre più apprezzata posizione di guida rialzata, hanno spesso masse che sfiorano o superano le due tonnellate. Non poco, soprattutto per le componenti meccaniche a cui tocca gestire la conseguente inerzia. Ecco perché Goodyear ha sviluppato per i SUV gli Eagle F1 Asymmetric 3 SUV, pneumatici pensati e realizzati specificamente per questa tipologia di veicoli.

Per raccontare per filo e per segno l’intero sviluppo dei Goodyear Eagle F1 Asymmetric 3 SUV non basterebbe una tesi d’ingegneria. Ci proviamo in poche righe, spiegando le principali tecnologie applicate. La prima si chiama ActiveBraking e prevede un profilo dello pneumatico tondeggiante. Così, in assenza di carico, la resistenza al rotolamento è molto bassa (con conseguenti minori consumi e aumento della vita utile), mentre in caso di frenata la gomma si schiaccia sull’asfalto, garantendo un’elevata impronta a terra. Che significa più grip in frenata e quindi spazi d’arresto più competitivi.

La seconda tecnologia si chiama Grip Booster. Il nome non mente: grazie a una mescola tutta nuova che prevede l’utilizzo di speciali resine, i Goodyear Eagle F1 Asymmetric 3 SUV “copiano” con precisione le piccole irregolarità dell’asfalto, creando un effetto ventosa. I risultati, certificati dall’ente tedesco TUV, raccontano di un notevole livello di tenuta laterale e longitudinale, anche su asfalto bagnato.

L’ultima e forse più importante novità si chiama SUV Optimized Construction. Grazie ad alcuni accorgimenti come le corde realizzate con un mix di aramide e nylon, le Goodyear Eagle F1 Asymmetric 3 SUV hanno una struttura molto resistente alle deformazioni: riescono quindi a contrastare le citate masse e inerzie tipiche dei SUV. Così migliorano la tenuta di strada e la vita utile dello pneumatico, perché l’usura è omogenea e non localizzata in pochi punti critici.

Ecco le misure disponibili (alcune non da subito):

235/50 R18 – 275/45 R20 – 275/45 R21 – 255/55 R18 – 255/45 R19 – 265/45 R20 – 315/35 R20 – 255/40 R21 – 295/35 R21 – 235/60 R18 – 255/45 R20 – 275/40 R22 – 235/45 R19 – 235/55 R19 – 275/45 R19 – 275/40 R20 – 275/40 R21 – 295/40 R21 – 275/35 R22 – 295/35 R22 – 285/45 R19 – 245/45 R20 – 275/55 R19 – 255/50 R20 – 265/40 R21 – 275/50 R20
255/60 R18

Indietro
RASSEGNA PANORAMICA
Handling
Grip
Mantenimento linea
Stabilità
Bagnato
CONDIVIDI
Alessandro ha 14 anni quando il suo migliore amico si presenta sotto casa con un MBK Booster fiammante, elaborato che manco quelli da trofeo. Ale non sta nella pelle, lo vuole provare subito. L’amico glielo concede raccomandando la massima cautela perché “l’ho appena preso”. La sequenza successiva è: 30 metri con le due ruote a terra, impennata, cappottata e perdita probabile di una amicizia. Da quell’esperienza Alessandro poteva capire due cose: Le moto non facevano per lui. Le moto sarebbero state il suo futuro. Purtroppo ha capito quella sbagliata e ce lo siamo ritrovati a RED. Da quando ha 22 anni, tra un esame e l’altro della facoltà di Ingegneria meccanica (poi terminata con la Laurea) ha iniziato a provare moto di ogni genere: dallo scooter (memore della sua fantastica prima esperienza) alle supersportive da gara, passando per custom, enduro e bagger da 400 kg. Sempre con la voglia di raccontarle e sempre tenendo a mente l’espressione stupita (ancora non sappiamo se felice) del suo amico (incredibilmente rimasto amico) in quel fatidico pomeriggio. Oggi a RED prova e racconta ancora moto di ogni tipo. E non impenna (quasi) più.