Ssangyong Korando my2020 Punta in alto

Rifatto da capo a piedi, il nuovo Korando è ora molto più vicino ai nostri gusti e aspettative. Allestimenti e motori soddisfano chi è alla ricerca di una comoda e rilassante macina chilometri.

DRIVE

Terreno di caccia piuttosto affollato, quello dei SUV di fascia media. Ma Ssangyong non molla, anzi, rilancia con un prodotto finalmente in linea con i gusti e le aspettative di un pubblico esigente. Un prodotto che prosegue quella lunga e ardua strada verso il riposizionamento di un marchio, che vuole affrancarsi da un passato per certi aspetti ancora pesante.

PARTENZA CON IL PIEDE GIUSTO

Chi ben comincia è a metà dell’opera e Ssangyong è partita con il piede giusto. In termini di linee e qualità percepita. Il nuovo Korando, infatti, non sfigura accanto alle concorrenti, fuori e dentro. Il design propone elementi moderni e i materiali impiegati sono all’altezza, così come le finiture (anche se qualche cosa si può ancora migliorare). Non manca nulla, dai display digitali touchscreen ai sedili riscaldabili e rinfrescanti (di serie sulla versione più dotata), al ricco infotainment alle luci full LED. Dentro, poi, c’è tanto spazio ed è anche ben disposto.

PIÙ COMFORT CHE BRIO

Come si poteva immaginare leggendo la scheda tecnica e ascoltando la presentazione degli uomini Ssangyong, il nuovo Korando non nasce per stupire, ma per convincere. Significa che alla guida si apprezza molto il comfort a bordo, compresa una eccellente silenziosità dell’abitacolo, sia come guidatore sia da passeggero. I sedili hanno una valida ergonomia e non affaticano anche alla lunga, la visibilità è buona e le manovre (nonostante le dimensioni superiori alla media) non mettono mai in imbarazzo. Significa che il comportamento dinamico è nel complesso buono, entro la media dei suoi concorrenti. Che offre ciò che ci si aspetta, svolgendo con diligenza il compito e ottenendo un’abbondante sufficienza. Chi ha il piede pesante non troverà nel nuovo Korando pane per i suoi denti e, anche in modalità Sport, attenderà invano un brio che non gli appartiene. Questo mid SUV piacerà invece a chi cerca un’auto con cui mettere sotto le ruote tanti chilometri e arrivare alla meta riposato. A chi non vuole rinunciare alle coccole, ma è disposto a rinunciare al blasone.Se Ssangyong vuole alzare la testa e ha pazienza per riuscirci, la strada su cui è indirizzata può essere quella giusta.