La realtà virtuale è già “realtà a tutti gli effetti”, ovvero a portata di qualsiasi salotto. HTC Vive, PlayStation VR e Oculus Rift hanno ridefinito il significato di esperienza virtuale, grazie a dispositivi attraverso i quali l’utente può immergersi (letteralmente!) in situazioni di realtà simulata.

Sebbene non abbiano ancora raggiunto un livello di sofisticazione ottimale (la resa grafica non è ancora pienamente esaltante, ma siamo agli albori di una nuova tecnologia e i margini di miglioramento sono potenzialmente enormi), le tecnologie VR stanno evolvendo rapidamente. La realtà virtuale proietta l’utente all’interno di mondi alternativi, lo catapulta in ogni angolo del mondo, gli permette di vivere avventure ed esperienze in prima persona (in soggettiva), amplificando notevolmente coinvolgimento e interazione. Tra un numero in costante crescita di visori da indossare e applicazioni create ad hoc, i sistemi per la realtà virtuale spalancano le porte a nuove opportunità per quel riguarda la guida digitale.

Ecco i migliori racing game che supportano la VR, da godere rigorosamente con un visore!

DiRT Rally (Codemasters)

Dirt Rally si conferma uno dei migliori racing game in circolazione, sia che lo giochiate con un controller tradizionale, con volante e pedaliera o con un headset VR, per derapare con più gusto e adrenalina. Chiaramente, il setup ideale include postazione ad hoc con volante, pedaliera, cambio sequenziale, freno a mano, seduta ergonomica e visore (Oculus Rift su PC o PlayStation VR su PlayStation 4). Una Lancia Fulvia HF Montecarlo, una strada di montagna piena di tornanti innevati e la sensazione di essere proprio lì! Se amate il rally, DiRT Rally è un acquisto imprescindibile, un simulatore di rally più hardcore che mai, realizzato con passione e competenza.

Assetto Corsa (Kunos Simulazioni)

Assetto Corsa, realizzato a Vallelunga da Kunos Simulazioni, è una simulazione automobilistica autentica, affidabile ed estremamente avida di dedizione. Se alla ricetta aggiungiamo anche il supporto VR, l’esperienza di guida diventa ancora più adrenalinica e realistica, grazie a un force feedback di categoria superiore e al minuzioso lavoro dello studio di sviluppo che ha reso possibile tutto ciò. Scegliete la vostra supercar preferita e fiondatevi immediatamente al Nurburgring Nordschleife!

Project CARS (Slightly Mad Studios)

Project CARS di Slightly Mad Studios, assieme alla realtà virtuale, è un’accoppiata perfetta per entusiasmare qualsiasi patito del motorsport. L’edizione consigliata è senza dubbio la GOTY, che include le oltre 50 auto aggiunte dal team di sviluppo nel corso dell’ultimo anno (per un garage che ospita complessivamente ben 125 vetture), quattro nuovi tracciati (e 35 location uniche, per oltre 100 layout in totale), più di sessanta livree create dalla community e oltre 500 modifiche e migliorie (sì, avete letto bene: cinquecento).

Redout: Enhanced Edition (34Big Things)

Redout è un omaggio a mostri sacri delle corse arcade (F-Zero, WipEout, Rollcage e POD). Il racing game dei torinesi 34Big Things vi proietterà in un futuro fatto di velocità supersoniche, scandite da una colonna sonora che pompa ad altissimo volume. Il gioco prevede oltre 75 eventi distribuiti su 20 circuiti. Inutile sottolineare che un simile concept dia il meglio di sé con un visore VR. Il rischio è quello di entrare a capofitto in un vortice di adrenalina e – soprattutto – vertigini!

Gran Turismo Sport (Polyphony Digital)

Non è ancora disponibile (uscirà nel 2017 inoltrato), ma Gran Turismo Sport è uno dei racing game più attesi dagli appassionati di motori digitali. Kazunori Yamauchi, creatore della serie, ha anticipato che il motore grafico di Gran Turismo Sport è stato studiato per sfruttare a pieno il potenziale di PlayStation 4 Pro. La risoluzione raggiungerà infatti l’ambito traguardo dei 4K, sfrecciando a 60fps. Ma c’è di più: stando alle dichiarazioni, la gamma di colori e l’illuminazione HDR puntano a rivoluzionare gli standard attuali. Polyphony Digital ha anche confermato il supporto a PlayStation VR. Non resta che attendere ancora un po’, prima di entrare nella realtà virtuale a bordo del The Real Driving Simulator!