Abarth, tris di novità al Salone di Ginevra

2 marzo 2017 - 17:03

Tris di stelle nel firmamento Abarth. In occasione del Salone di Ginevra debuttano la 595 Pista, la 695 XSR Yamaha Limited Edition e la 124 Spider in versione Scorpione.

Ammortizzatori Koni
L’Abarth 595 Pista adotta il consueto 4 cilindri 16V di 1.368 cc alimentato a benzina e sovralimentato mediante turbocompressore a gas di scarico, declinato nell’inedito step da 160 cv e 230 Nm di coppia. Una cavalleria che si colloca in gamma tra la variante “base” da 145 cv e la Turismo da 165 cv. La trasmissione manuale a 5 marce concorre a far registrare uno scatto da 0 a 100 km/h in 7,3 secondi e una velocità massima di 216 km/h, mentre la dotazione tecnica include i dischi freno forati e ventilati anteriori da 284 mm di diametro, posteriori da 240 mm, gli ammortizzatori Koni FSD a smorzamento selettivo di derivazione 595 Competizione e lo scarico a retropressione variabile “Record Monza”, immediatamente riconoscibile per i terminali gemellati così come per il sound esplosivo una volta superati i 3.000 giri/min. Disponibile in configurazione di carrozzeria sia coupé sia cabrio, la 595 Pista è corredabile del software Abarth Telemetry per la guida in pista e l’analisi dei tempi sul giro.

Fibra di carbonio a profusione
La 124 Spider Scorpione non è un nuovo modello a tutti gli effetti; si tratta piuttosto di un allestimento estetico basato sulla nota 1.4 Turbo da 170 cv e contraddistinto dalla livrea “Nero San Marino 1972” e dagli interni in pelle e microfibra total black. Ben più consistente la caratterizzazione della 695 XSR Yamaha Limited Edition. Nata dalla collaborazione fra l’Abarth e la divisione racing della Casa motociclistica giapponese, è disponibile esclusivamente nella livrea Grigio Pista. Realizzata in 1.390 esemplari equamente divisi tra cabrio e coupé, si fregia di un massiccio ricorso alla fibra di carbonio per la carrozzeria e l’abitacolo, di cerchi in lega da 17 pollici della serie Supersport e di un terminale di scarico firmato dalla specialista sloveno Akrapovic. Per gli incontentabili è possibile optare per i sedili Sabelt con guscio in fibre composite, mentre sottopelle pulsa il consueto 1.4 benzina T-Jet nello step da 165 cv, portabile a 180 cv grazie a un kit d’elaborazione ufficiale. Immancabile il differenziale autobloccante meccanico, sviluppato grazie all’esperienza maturata con la versione speciale 695 Biposto.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO

Audi S5 TDI
La sua prima volta

Hyundai, idrogeno anche per la mobilità “pesante”

Peugeot 3008
Le Fiamme Gialle guidano francese