Audi A3 e Q3, ecco le ibride plug-in 45 TFSI e

La casa di Ingolstadt continua a puntare sull’elettrificazione della propria gamma. Presentando le nuove Audi A3 e Q3 in versione plug-in.

DOTAZIONE COMUNE E DATA DI ARRIVO

Audi Q3 45 TFSI e

PARLANDO DI TECNOLOGIA

Su entrambe, i programmi “EV”, “Auto”, “Battery hold” e “Battery charge”, consentono di poter scegliere come far interagire la propulsione endotermica con la propulsione elettrica. I programmi elencati danno alla vettura la possibilità di veleggiare o di recuperare energia per ricaricare la batteria. Presente anche il sistema “Audi drive select” che mette a disposizione i classici programmi comfort, efficiency, dynamic e individual. I quali oltre che interagire con sterzo, innesti della trasmissione ed erogazione, interagiscono anche con l’interazione dei due propulsori. Da sottolineare la presenza della frenata elettroidraulica derivata direttamente da Audi e-tron. Nelle decelerazioni lievi il motore elettrico funge da alternatore recuperando energia e, di fatto, si sostituisce ai freni. Nelle frenate superiori a 0,3 g possono essere utilizzati esclusivamente i freni tradizionali o, insieme, impianto idraulico e propulsione elettrica: a gestire il tutto è l’elettronica e il guidatore – a detta di Audi – non si accorge di nulla.

SICUREZZA AL PRIMO POSTO

A bassa andatura il sistema AVAS (Acustic Vehicle Alert System) segnala i movimenti della vettura con impulsi sonori. Entrambe le vetture sfruttano la connettività Car-to-X che consente alle vetture del marchio equipaggiate con questo sistema di comunicare tra loro. Condividendo informazioni sul traffico, su eventuali pericoli e sui limiti di velocità. La funzione Audi pre-sense front che punta a prevenire gli impatti con veicoli, pedoni e ciclisti. Presente anche l’ausilio al mantenimento della corsia.

DATA DI ARRIVO

Entrambi i modelli arriveranno nelle concessionarie italiane durante il primo trimestre del 2021. Ovviamente beneficeranno di tutti i vantaggi destinati alla mobilità ibrida, tra i quali l’esenzione dai blocchi del traffico, l’accesso libero nelle ZTL e – in alcune città – l’utilizzo gratuito dei parcheggi a strisce blu. Dal punto di vista fiscale c’è l’esenzione totale o parziale dal pagamento del bollo e l’accesso alla classe degli incentivi attivati dal decreto rilancio.