Audi R8 RWS: tutto alle spalle

13 settembre 2017 - 14:09

È la prima Audi di serie a trazione posteriore. La Casa di Ingolstadt, sino ad oggi, si era sempre affidata alla soluzione anteriore o alle quattro ruote motrici. La R8 RWS, destinata a passare alla storia, è pertanto una mosca bianca oltre che una delle vetture più ammirate del Salone di Francoforte. Prodotta in serie limitata (999 esemplari), porta su strada lo schema tecnico della R8 LMS (Le Mans Series) da competizione.


Da 0 a 100 km/h in 3,7 secondi
Dedicata ai puristi della guida sportiva, la R8 RWS – proposta anche nella variante Spyder – adotta il consueto V10 5.2 di derivazione Lamborghini nella configurazione da 540 cv e 540 Nm di coppia. Quindi lo step “base” della gamma R8 Coupé anziché la più spinta evoluzione Plus da 610 cv. Una caratteristica che porta in dote uno scatto da 0 a 100 km/h in 3,7 secondi – due decimi in più rispetto alla versione 4WD – e una velocità massima di 320 km/h. Immutato il cambio a doppia frizione a 7 rapporti S tronic. La rinuncia agli organi della trasmissione anteriore consente di alleggerire la vettura di 50 kg e influisce sulla ripartizione delle masse. Ora il 40,6% del peso grava sull’avantreno, mentre il retrotreno gestisce il 59,4% dei 1.590 kg della coupé.

La livrea della R8 LMS GT4
La differente distribuzione delle masse rispetto alla versione a trazione integrale quattro porta in dote un adeguamento dell’elettronica, in special modo del controllo della stabilità e della trazione chiamato a interagire con il differenziale autobloccante. Confermato il sistema Audi Drive Select che agisce sull’erogazione del propulsore, sui punti d’innesto del cambio, sulla servoassistenza dello sterzo e sulle sospensioni, mentre a livello estetico spicca la livrea derivata dalla R8 LMS GT4 da gara. Di serie, in abitacolo, i sedili sportivi rivestiti in pelle e Alcantara e la placca numerata lungo la plancia che identifica l’esemplare. La R8 RWS verrà proposta, almeno in Germania, a prezzi inferiori rispetto alle analoghe varianti quattro.

 

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Youngtimer – Audi 80, come si diventa premium

brumbrum inaugura uno stabilimento a Reggio Emilia

Maserati GranTurismo Zéda, l’ultima della “specie V8 aspirato”