Bentley EXP 12 Speed 6e: una scossa al blasone

8 marzo 2017 - 14:03

Nessuno osi dire che la propulsione elettrica è adatta solo alle city car. L’americana Tesla aveva già dimostrato come fosse possibile realizzare una vettura a zero emissioni ad alte prestazioni, oltretutto fruibile nell’utilizzo quotidiano. Nessuno, però, aveva ancora abbinato la mobilità a batteria al lusso. Anzi, all’iper lusso. Ora Bentley abbatte questo tabù e in occasione del Salone di Ginevra presenta la concept EXP 12 Speed 6e.


Ricarica a induzione
Prima la SUV Bentayga, poi i motori a gasolio, ora la propulsione elettrica. A Bentley può essere rimproverato tutto, tranne che essere troppo conservatrice. La Casa inglese, a dispetto dell’immarcescibile blasone che l’accompagna, percorre sempre più spesso nuove strade. Come nel caso della EXP 12 Speed 6e che, oltre a essere alimentata a batteria, è ricaricabile a induzione, vale a dire wireless mediante apposite piastre in aggiunta al classico cavo. La presa, in quest’ultimo caso, è nascosta dietro la targa posteriore. Perché va bene sperimentare, ma una Bentley resta sempre tale e non può accettare “uno sportellino” lungo la carrozzeria.

Roadster a due posti secchi
La show car inglese a zero emissioni adotta una configurazione di carrozzeria roadster a due posti secchi e, secondo rumors insistenti, anticipa gli stilemi che caratterizzeranno la futura generazione della Continental. L’autonomia si attesta nell’ordine dei 300 km, mentre il powertrain, sebbene il costruttore non dichiari alcun dato ufficiale, dovrebbe erogare circa 500 cv, complici gli accumulatori agli ioni di litio annegati nel pianale. Più che la tecnica, sono però gli interni a stupire grazie all’appariscente pelle trapuntata con la quale vengono rivestiti i sedili e al pannello curvo in vetro che raccorda tunnel e console.


Specchietti no, telecamere sì
La propulsione elettrica comporta il debutto, lungo le razze del volante, d’inediti comandi per ottenere la massima potenza disponibile (una specie di boost) e per limitare la velocità in città. Oltre che tecnicamente, la EXP 12 Speed 6e riveste, come accennato, una notevole importanza per il marchio Bentley in quanto introduce un design particolarmente filante, complici le telecamere in sostituzione dei retrovisori laterali, solo apparentemente meno muscoloso che in passato. In attesa che la concept a zero emissioni si tramuti in un modello di serie, Bentley muoverà i primi passi nella direzione della mobilità sostenibile con il debutto della versione ibrida plug-in della SUV Bentayga, attesa nel 2018.


Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO

Audi S5 TDI
La sua prima volta

Hyundai, idrogeno anche per la mobilità “pesante”

Peugeot 3008
Le Fiamme Gialle guidano francese