BMW M550d xDrive: nafta che scotta

4 maggio 2017 - 9:05

Sarà anche vero che i Diesel sono destinati a estinguersi, ma in BMW devono esserselo dimenticato, perché la gamma della nuova Serie 5 si amplia con l’introduzione della M550d xDrive, punta di diamante dell’offerta a gasolio della Casa tedesca. Una vettura che, disponibile in configurazione sia berlina sia wagon, si fregia di un innovativo 6 cilindri in linea 3.0 quadriturbo (!) da 400 cv e 760 Nm di coppia.


Pressione d’iniezione di 2.500 bar
400 cv? Che naftone! Il 6 cilindri in linea bavarese ha la rabbia in corpo, complici la pressione d’iniezione del carburante, di tipo common rail, portata a 2.500 bar e, soprattutto, l’inedita gestione sequenziale delle due coppie di turbine. Rispetto alla generazione precedente, triturbo da 381 cv, vengono confermate le giranti più piccole, chiamate a lavorare sino a 2.500 giri/min, mentre in sostituzione del grande turbo singolo sono ora previste due unità destinate ad agire agli alti regimi. Una raffinatezza tecnica che, come accennato, porta in dote 760 Nm di coppia costanti da 2.000 a 3.000 giri, mentre il picco di potenza viene erogato a 4.400 giri.


Consumi ridotti dell’11%
La nuova M550d xDrive scatta da 0 a 100 km/h in 4,4 secondi in configurazione berlina, in 4,6 secondi in versione Touring. Prestazioni degne di vetture ben più sportive ed estreme, ottenute grazie anche all’efficacia della trasmissione automatica a 8 rapporti del tipo mediante convertitore di coppia, adattata in funzione di un utilizzo più sportivo rispetto allo standard, e alla trazione integrale. Ne consegue un consumo compreso, in funzione delle dotazioni, tra 5,9 e 6,6 litri ogni 100 km. Un risultato degno di nota, inferiore dell’11% rispetto al passato.

Allestimento M Performance
La nuova M550d xDrive berlina sarà disponibile in estate, mentre la Touring raggiungerà le concessionarie entro la fine dell’anno. L’allestimento M Performance porta in dote un kit aerodinamico dedicato, l’assetto ribassato di 10 mm rispetto allo standard, i cerchi in lega da 19 pollici con pneumatici anteriori 245/40 e posteriori 275/35, le quattro ruote sterzanti, l’impianto frenante maggiorato M Sport e finiture interne specifiche. Tra gli optional spiccano i sedili M rivestiti in pelle o Alcantara, le ruote da 20 pollici e le sospensioni regolabili abbinate alle barre antirollio attive.


Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

RSD Dakar GS – Una R 1200 GS dakariana by Roland Sands

Dacia e Udinese Calcio, la partnership si rinnova

Volkswagen ID.4 in movimento gialla tre quarti anteriore

Volkswagen ID.4 contro Tesla Model Y e gli altri SUV elettrici