CES 2020, la guida autonoma secondo ZF

Alla Fiera di Las Vegas la multinazionale tedesca ZF svela le novità sulla guida autonoma di livello 2+ e di livello 4

10 gennaio 2020 - 14:41

L’appuntamento internazionale con le novità tecnologiche che cambieranno la nostra vita nei prossimi anni raccoglie anche le sfide che provengono dal settore dei sistemi avanzati per la guida autonoma. Un segmento in continuo fermento, che ha l’ambizioso obiettivo di ridurre sensibilmente il numero di incidenti sulle strade. La multinazionale tedesca ZF, specializzata nella produzione di tecnologie per autovetture, veicoli commerciali e industriali, si presenta al Consumer Electronics Show 2020 di Las Vegas con novità relative ai sistemi di livello 2+, ormai diffusi sul mercato, e di livello 4, destinati invece ai veicoli commerciali e ai mezzi di trasporto condivisi.

Il pacchetto coAssist  

Il sistema, disponibile entro la fine del 2020 a un prezzo annunciato inferiore ai 1.000 euro, potrà contare su funzioni di sicurezza e comfort già impiegate sui veicoli premium e sarà applicato sui modelli di un’importante Casa asiatica. Il coASSIST comprende funzioni quali il Cruise Control Adattivo, il riconoscimento della segnaletica stradale, l’assistenza al cambio di corsia, al mantenimento di corsia e l’assistenza in caso di traffico intenso. Oltre ai sensori tradizionali, il CoAssist implementa l’EyeQ della Mobileye e sarà prevista anche un’ulteriore evoluzione basata sui radar Medium Range Gen21.

Livello 4 solo per i veicoli commerciali

Le novità ZF arrivano anche dal livello di automazione 4 – quello che gestisce ogni evenienza e in cui il conducente/passeggero può riprendere il controllo del veicolo in qualsiasi momento. L’azienda sta infatti sviluppando una centralina elettronica (ECU) per un sistema di Livello 4 per un produttore internazionale di veicoli commerciali e industriali. Il lancio sul mercato è previsto per il 2024/2025.

ZF e Microsoft per il software 

ZF sta anche gettando le basi per uno sviluppo software più rapido e completo. Da qui la partnership con Microsoft che darà modo a ZF di utilizzare in modo più efficiente le proprie risorse a livello globale e di soddisfare più efficacemente le esigenze dei clienti. In futuro, ZF sarà anche un fornitore di prodotti software puri per il mercato automotive.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Dacia e Udinese Calcio, la partnership si rinnova

Volkswagen ID.4 in movimento gialla tre quarti anteriore

Volkswagen ID.4 contro Tesla Model Y e gli altri SUV elettrici

BMW Why Buy EVO

BMW Why-Buy Evo, guidare una BMW senza comprarla è ancora più facile. Ecco perché