Citroën C4 Cactus 2018: nuovi orizzonti

27 ottobre 2017 - 12:10

La nuova C4 Cactus debutta con la delicatezza di una miccia in un deposito di polveri da sparo. Non solo, infatti, pensiona la berlina media C4, sostituendola in gamma, ma cambia radicalmente pelle e indole rispetto al passato, strizzando l’occhio al comfort e facendo proprie dotazioni di sicurezza e multimediali da prima della classe. A tutto ciò si aggiunge un moderno cambio automatico del tipo mediante convertitore di coppia, ingrediente raffinato della “ricetta” della crossover francese. Un piatto decisamente ricco.


Frontale rivisto e Airbump ai minimi termini
Anticonformista tanto nelle linee quanto nelle soluzioni interne, la C4 Cactus presentata da Citroën nel 2014 si è affermata quale crossover moderna, dalla generosa abitabilità e dal peso contenuto. Disponibile solamente a trazione anteriore, rinunciava agli accessori superflui per alleggerirsi di 200 kg rispetto alla berlina C4 – dalla quale derivava – e poter contare su consumi contenuti e prezzi aggressivi. Ora, dopo tre anni di onorata carriera, cambia radicalmente aspetto. Complice un marcato travaso di stilemi dalla C3 Aircross, vede mutare profondamente il design dell’avantreno e, al tempo stesso, ridursi drasticamente la rilevanza di uno degli elementi che in passato maggiormente avevano caratterizzato la vettura: gli Airbump, vale a dire i rivestimenti in plastica integranti capsule d’aria collocati lungo le fiancate e in corrispondenza dei paraurti, che assumevano una valenza sia stilistica sia funzionale dato che da un lato proteggevano la carrozzeria e i gruppi ottici dai piccoli urti, dall’altro erano personalizzabili nei colori. Ebbene, gli Airbump vengono ridotti ai minimi termini e concentrati nella sola parte bassa delle portiere.

Sedili Comfort e nuove sospensioni
Pur essendo una vettura compatta – lunga 4,17 metri – la C4 Cactus di prima generazione poteva contare su di un’abitabilità anteriore degna di una monovolume, mentre l’alloggiamento dei passeggeri posteriori eguagliava berline di pari dimensioni. Doti che la seconda serie promette di rafforzare, complici le raffinate combinazioni di colori, gli inediti rivestimenti in abitacolo e il nuovo scomparto portaoggetti lungo la plancia. Non meno rilevante l’adozione di un moderno sistema multimediale, forte di un display touch da 7 pollici, come in passato, ma ora integrante i comandi vocali e i protocolli Apple CarPlay, Android Auto e MirrorLink per un dialogo privilegiato tra auto e smartphone. Quanto al comfort, i sedili Advanced promettono una postura migliore, mentre le sospensioni Progressive Hydraulic Cushions – una novità di derivazione C5 Aircross – garantiscono un più efficace assorbimento delle imperfezioni dell’asfalto. Al tradizionale gruppo molla-ammortizzatore affiancano infatti degli smorzatori idraulici progressivi a fine corsa, in grado di lavorare separatamente nelle fasi di estensione e compressione “digerendo” anche le irregolarità più marcate del fondo stradale.


Frenata automatica d’emergenza
Il comfort è al centro dell’orizzonte della nuova C4 Cactus. Oltre a sedili e sospensioni rinnovati, la crossover francese – che sostituirà in gamma la C4 – porta in dote cristalli di maggiore spessore, il parabrezza insonorizzato e un generoso ricorso ai materiali fonoassorbenti in abitacolo. Cresce l’attenzione per la sicurezza, dato che accanto alle tecnologie già note – ad esempio il controllo della trazione evoluto Grip Control – sono ora disponibili soluzioni hi-tech quali la frenata automatica d’emergenza, il riconoscimento della segnaletica stradale, l’avviso di superamento involontario della corsia di marcia, la segnalazione d’ostacolo in corrispondenza dell’angolo di visuale cieco e il monitoraggio della stanchezza del conducente.


Bye bye cambio robotizzato
La seconda generazione della C4 Cactus è disponibile con un 1.6 turbodiesel BlueHDi da 100 o 120 cv e con il 3 cilindri 1.2 PureTech benzina in configurazione aspirata da 82 cv o sovralimentata mediante turbocompressore da 110 o 130 cv. Quest’ultimo step di potenza abbinabile a una classica trasmissione manuale a 6 marce o a un cambio automatico EAT6 a 6 rapporti del tipo mediante convertitore di coppia. EAT6 che, dall’autunno 2018, verrà esteso al BlueHDi da 120 cv. Pensionata, invece, l’unità robotizzata ETG6 in dotazione al precedente modello.


Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Nuova Citroen C4, prezzi da 22.900 euro

BMW Serie 1 MSport

Promozione BMW Serie 1, da 160 euro al mese per la 116d MSport

Ford Fiesta Titanium vista in tre quarti

Incentivi auto, cinque modelli “per tutti” che godono degli sconti