FCA paghi nel 2021 coronavirus

Coronavirus, promozione FCA: compri oggi, paghi nel 2021

Si acquista da remoto e si beneficia di condizioni economiche particolarmente vantaggiose

26 marzo 2020 - 7:54

A causa di Covid-19, la fiducia dei consumatori è a uno dei punti più bassi – se non il più basso – dalla Seconda Guerra Mondiale. In periodi come questi, acquisti che comportano esborsi elevati, come appunto nel caso di un’auto, sono i primi a essere rimandati. In attesa di tempi migliori, di maggiore certezza sul futuro. Per qualcuno, però, l’auto (e a maggior ragione il furgone) sono imprescindibili strumenti di lavoro. Per queste persone, FCA ha lanciato un’iniziativa molto importante.

NON È UN LUSSO, MA UNA NECESSITÀ

L’iniziativa, battezzata “Parcheggiati sì, fermi mai!”, prevede innanzitutto la posticipazione della prima rata a gennaio 2021 per tutte le vetture e i veicoli commerciali finanziati con FCA Bank. Chi, insomma, abbia bisogno di sostituire l’auto o il furgone e non può più rimandare l’acquisto, può iniziare a pagarlo dal prossimo anno.

ACQUISTI DIGITALI

Ma come comprare un veicolo commerciale e/o un’auto, se le concessionarie sono chiuse? Sfruttando la tecnologia. Google Hangouts Meeting permette infatti di svolgere on line la trattativa. A tal proposito, il personale di vendita è stato formato attraverso un training specifico, e potrà quindi essere al servizio del cliente per configurare un veicolo, predisporre il preventivo e presentare l’offerta commerciale completa di finanziamento. Basta fissare un appuntamento telefonico, o via posta elettronica, per ricevere un link di connessione. Nessuna installazione è richiesta. In questo modo, solo la concretizzazione delle trattative – la firma del contratto, per capirci – dovrà avvenire di persona, appena possibile e in conformità ai decreti governativi.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Coronavirus, VW offre personale qualificato per l’emergenza

aston martin motore v6

Aston Martin torna a farsi un motore in casa. Un “evento”, ecco perché

Coronavirus, Ferrari prolunga lo stop fino al 14 aprile