Dacia Duster GPL

Dacia Duster a GPL, ecco perché conviene già dopo “pochi” km. La prova

L’auto privata è l’unica possibilità, per molti, nel medio periodo. Un SUV a gas a basso prezzo potrebbe essere la scelta migliore

1 giugno 2020 - 12:09

Che la mobilità privata sia l’opzione numero uno, per molti lavoratori, non è certo un mistero. Da una parte, infatti, c’è il timore che sui mezzi pubblici si possa contrarre il Covid-19. Dall’altra, il fatto che treni, autobus, metropolitane e tram – per far rispettare il distanziamento sociale – lavorino al 25% circa della loro massima capacità.

E se chi vive e lavora in città può pensare a vari mezzi di trasporto (dalla bicicletta al monopattino, passando per scooter e trasferimenti a piedi), chi abita al di fuori dei confini urbani ha ben poche alternative all’auto. Insomma: qualcuno si troverà “costretto” a comprare una macchina. Ed ecco che l’ottimizzazione della spesa diventa il criterio principale della scelta. Una motivazione d’acquisto a cui la Dacia Duster risponde bene come poche altre, a maggior ragione se alimentata a GPL e, ancor di più, se come ora dispone del motore 1.0 3 cilindri turbo (che abbiamo già provato nella variante alimentata solo a benzina). E di seguito vi spiego perché.

Soltanto 350 euro

Dopo quanti km la Duster a GPL diventa conveniente

Il motore perde prestazioni?

Commenta per primo