ESP cos’è e come funziona il controllo elettronico della stabilità

Oggi sentiamo tanto parlare dell’ESP e ci viene spesso detto che questo sistema ha salvato tante vite negli ultimi anni. Come è nato e come funziona?

5 marzo 2018 - 10:03

Un po’ di storia
L’ESP (Electronic Stability Program) è un sistema di sicurezza a controllo elettronico che si occupa di contrastare i potenziali fenomeni di sbandata stabilizzando il veicolo.  Sviluppato e testato da Bosch a partire dal 1984, nacque sulla base del sistema ABS e fu impiegato per la prima volta su un’auto di serie nel 1995 (Mercedes S 600 Coupè). Inizialmente fu montato a bordo di auto di lusso, ma col passare del tempo si è diffuso fino a diventare obbligatorio per legge. Dal primo novembre 2014 auto e veicoli commerciali leggeri (fino a 3.5 t), infatti, devono esser dotate, secondo la legislazione europea, del controllo elettronico della stabilità di serie. Dal primo gennaio 2015 l’ESP diventò obbligatorio per tutti i veicoli di nuova immatricolazione.


Come funziona
L’ESP confronta, istante per istante, la direzione che il guidatore vuole seguire con quella che il veicolo sta effettivamente seguendo. Quando queste cominciano a non coincidere (durante slittamenti e conseguenti sbandate) il sistema interviene automaticamente su acceleratore e freni (frenando ad esempio in modo differenziato una delle ruote) riportando il veicolo in carreggiata. Il guidatore non deve fare nulla poiché l’ESP si inserisce automaticamente e ripristina in modo autonomo la traiettoria corretta. Assurto agli “onori” della cronaca con il famoso test dell’alce non superato dalla Mercedes Classe A nel 1997 (poi dotata obbligatoriamente di ESP), il controllo della stabilità ha contribuito a salvare moltissime vite. Numerosi sono gli studi a riguardo e parlano di riduzioni di incidenti drastiche (percentuali comprese tra il 40 e il 65 %). Bosch propone questo video per comprendere il funzionamento del sistema.
Qui sotto una gallery che ripercorre attraverso alcune immagini la storia dell’ESP.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO

Audi S5 TDI
La sua prima volta

Hyundai, idrogeno anche per la mobilità “pesante”

Peugeot 3008
Le Fiamme Gialle guidano francese