ESP cos’è e come funziona il controllo elettronico della stabilità

Oggi sentiamo tanto parlare dell’ESP e ci viene spesso detto che questo sistema ha salvato tante vite negli ultimi anni. Come è nato e come funziona?

5 marzo 2018 - 10:03

Un po’ di storia
L’ESP (Electronic Stability Program) è un sistema di sicurezza a controllo elettronico che si occupa di contrastare i potenziali fenomeni di sbandata stabilizzando il veicolo.  Sviluppato e testato da Bosch a partire dal 1984, nacque sulla base del sistema ABS e fu impiegato per la prima volta su un’auto di serie nel 1995 (Mercedes S 600 Coupè). Inizialmente fu montato a bordo di auto di lusso, ma col passare del tempo si è diffuso fino a diventare obbligatorio per legge. Dal primo novembre 2014 auto e veicoli commerciali leggeri (fino a 3.5 t), infatti, devono esser dotate, secondo la legislazione europea, del controllo elettronico della stabilità di serie. Dal primo gennaio 2015 l’ESP diventò obbligatorio per tutti i veicoli di nuova immatricolazione.


Come funziona
L’ESP confronta, istante per istante, la direzione che il guidatore vuole seguire con quella che il veicolo sta effettivamente seguendo. Quando queste cominciano a non coincidere (durante slittamenti e conseguenti sbandate) il sistema interviene automaticamente su acceleratore e freni (frenando ad esempio in modo differenziato una delle ruote) riportando il veicolo in carreggiata. Il guidatore non deve fare nulla poiché l’ESP si inserisce automaticamente e ripristina in modo autonomo la traiettoria corretta. Assurto agli “onori” della cronaca con il famoso test dell’alce non superato dalla Mercedes Classe A nel 1997 (poi dotata obbligatoriamente di ESP), il controllo della stabilità ha contribuito a salvare moltissime vite. Numerosi sono gli studi a riguardo e parlano di riduzioni di incidenti drastiche (percentuali comprese tra il 40 e il 65 %). Bosch propone questo video per comprendere il funzionamento del sistema.
Qui sotto una gallery che ripercorre attraverso alcune immagini la storia dell’ESP.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Seat Ibiza, Arona e Tarraco: in arrivo nuove motorizzazioni 

Mazda EV, una prima volta… elettrica

Nissan IMk, il concept cittadino ispirato alla cultura giapponese