Hyundai Bayon: abbiamo provato il nuovo B-SUV (economico) di Hyundai

Compatta, originale ed economica. Un cambio di prospettiva da parte di Hyundai rivolto a nuovi clienti del segmento B-SUV.

Interni, tecnologia e ADAS

Se esternamente il rapporto qualità-prezzo non fa intravedere i dettagli da SUV di fascia economica, una volta saliti a bordo materiali e dettagli della configurazione entry-level (prezzi e allestimenti sono discussi nei paragrafi successivi) chiariscono che non si tratta di un prodotto premium, cosa che Hyundai Bayon non vuole essere.

Ripresa dell'abitacolo di Hyundai Bayon con un focus sulla plancia

L’esemplare in prova – 1.0 TDGI 48V con cambio manuale nell’allestimento base X Line – era dotato di un display infotainment da 8 pollici, disponibile anche da 10,3 con navigatore in base alla versione scelta. Di serie, invece, il pad per la ricarica wireless, le luci ambientali e il cruscotto digitale, ben curato, ampio e ricco di funzioni. Durante il test drive ho potuto apprezzare anche la qualità della pedaliera e del pomello del cambio (manuale), molto comodi ed ergonomici come i comandi fisici della climatizzazione. Questi ultimi risultano essere leggermente più vicini al guidatore grazie alla convergenza della plancia verso il tunnel centrale.

Spaziosa, sia davanti che dietro, la Bayon riesce a mantenere un buono spazio per la testa (passeggeri posteriori) nonostante la silhouette del tetto tendente al coupé. I materiali sono meno raffinati rispetto alla sorella maggiore Kona e la presenza di plastiche rigide risulta essere abbondante su pannelli porta e superfici interne del vano di carico (411 litri, 90 in meno per la versione mild hybrid).

Vista dei sedili posteriori di Hyundai Bayon

Per quanto riguarda gli ADAS di serie, Hyundai Bayon è dotata del riconoscimento di veicoli, pedoni e ciclisti, mantenimento di corsia, rilevamento attenzione del guidatore e abbaglianti intelligenti. La più accessoriata XClass (2.250 € più costosa dell’esemplare in prova, XLine) aggiunge il sistema anticollisione durante le svolte, monitoraggio angolo cieco e l’assistenza anti collisione posteriore – estremamente utile in città durante le manovre, considerata anche la limitata visibilità del lunotto posteriore. Concludono le misure di sicurezza i sensori di movimento (Rear Occupant Alert) in grado di avvertire dell’eventuale presenza di persone o animali dopo lo spegnimento del veicolo.

Hyundai Bayon comandi al volante