Station sì, ma tanto, tanto cattiva; continua l’opera rivoluzionaria del designer Ian Callum, l’uomo preposto a stilare le linee guida delle Jaguar che verranno. Questa volta a beneficiare dei suoi interventi è stata la XF, presente al prossimo Salone di Ginevra, in versione wagon denominata Sportbrake.

Lunga quasi cinque metri, la nuova creatura del marchio del giaguaro si distingue per la linea decisamente aggressiva rispetto alle rivali teutoniche. Merito del lunotto rastremato, abbinato a una linea del tetto in stile coupé con tanto di cristalli acuminati. Non mancano il classico montante posteriore con finitura nero lucido e i gruppi ottici a LED su entrambi “i fronti” (introdotti con l’ultimo restyling).

Tanto lo spazio sia all’interno dell’abitacolo, sia per quanto riguarda il vano bagagli che vanta una capacità complessiva di 550 litri (aumentabili fino a quota 1.675 litri grazie ai sedili reclinabili). Le motorizzazioni? Tre e tutte quante a gasolio (almeno al momento del lancio): 2,2 litri da 190 cavalli e un V6 tre litri disponibile in due varianti di potenza (240 o 275 cavalli). Non manca un pacchetto di sospensioni sportive e un kit di accorgimenti estetici (minigonne, spoiler, cromature ecc.) di serie per la versione “S”. La commercializzazione avverrà all’inizio dell’estate, mentre la versione R (V8, 5 litri da 510 cavalli) dovrebbe arrivare verso la fine dell’anno.