Jeep, a Ginevra a tutto off road

3 marzo 2017 - 17:03

Novità a manciate in casa Jeep in vista del Salone di Ginevra. Alla gamma europea della Compass si affiancano la specialistica Wrangler Rubicon in configurazione Recon e Mopar One oltre all’allestimento Night Eagle di Grand Cherokee e Wrangler. Prima assoluta per l’intera gamma Trailhawk.

Compass Opening Edition a 37.750 euro
La nuova Compass, vale a dire la SUV destinata a inserirsi nella gamma Jeep posizionandosi tra l’entry level Renegade e la Cherokee, attinge a piene mani al design dell’ammiraglia 4×4 americana. Al momento le informazioni tecniche diffuse sono ridotte al lumicino; l’unica certezza consiste nel lancio della Opening Edition con motore 2.0 Multijet da 140 cv a partire da 37.750 euro, completa di trazione integrale e cambio automatico a nove marce del tipo mediante convertitore di coppia. Lunga 4,42 metri – vale a dire 19 cm in più rispetto alla Renegade – può contare su di una capacità di carico di 410 litri con cinque persone a bordo, su dotazioni multimediali e di sicurezza raffinate oltre che sull’allestimento Trailhawk, orientato al fuoristrada. Questi porta in dote l’assetto rialzato di 2 cm, una taratura specifica delle sospensioni, la limitazione della velocità in discesa, paraurti che garantiscono angoli di attacco, dosso e uscita più generosi rispetto alla vettura “base” e protezioni estese in corrispondenza del sottoscocca.

Wrangler Rubicon Recon per l’off road estremo
Il sistema Select Terrain della nuova Compass permette di adattare l’erogazione, la distribuzione dei kgm tra gli assali, gli interventi dell’elettronica e la logica di gestione del cambio automatico (qualora presente) in funzione dei programmi di marcia Auto, Snow (neve), Sand (sabbia) e Mud (fango) nonché, limitatamente alla versione Trailhawk, Rock (roccia). Ben più specialistica la Wrangler Rubicon Recon, serie speciale dedicata agli appassionati dell’off road duro e puro. Al caratteristico rapporto di riduzione di 4,0:1, più estremo di quanto appannaggio delle “comuni” Wrangler Sport e Sahara (2,72:1), e alla straordinaria escursione delle sospensioni, favorita dalla possibilità di disconnettere la barra antirollio all’avantreno a velocità inferiori a 29 km/h, si accompagna una trazione degna di un trattore cingolato, forte dei blocchi meccanici a comando elettronico dei differenziali anteriore e posteriore.

Assali rinforzati Dana 44
L’allestimento Recon si distingue per gli assali rinforzati Dana 44, i cerchi in lega da 18 pollici, l’hard top amovibile a contrasto, il cofano Power Dome, la tradizionale griglia a sette feritoie e gli inserti neri oltre a speciali finiture esterne in rosso. L’abitacolo è reso esclusivo dai sedili riscaldabili rivestiti in pelle total black e dalla strumentazione supplementare dedicata alla guida fuoristrada. Unica la motorizzazione, vale a dire il consueto quattro cilindri common rail di 2.777 cc realizzato dalla VM Motori, dotato di distribuzione a doppio albero a camme in testa, 16 valvole, iniettori piezoelettrici e turbocompressore a geometria variabile. Un’unità accreditata di 200 cv e 460 Nm di coppia in abbinamento alla trasmissione automatica a 5 rapporti.

Kit di rialzo Mopar
Grand Cherokee e Wrangler, come accennato, debuttano in riva al lago Lemano in edizione limitata Night Eagle. Nel primo caso, l’unico motore disponibile è il V6 3.0 td da 250 cv con cambio automatico a 8 rapporti del tipo mediante convertitore di coppia, mentre gli elementi di maggiore spicco sono i cerchi in lega da 20 pollici, i rivestimenti in pelle Capri nera e la presenza di serie del sistema multimediale UConnect con schermo da 8,4 pollici. La Wrangler Night Eagle, mossa dal consueto 2.8 td da 200 cv, riprende le finiture della Grand Cherokee cui affianca ruote da 18 pollici e un impianto audio Alpine. Rivista anche da Mopar – divisione votata alla realizzazione di parti speciali per le vetture dei brand nell’orbita del Gruppo Fiat-Chrysler – la 4×4 americana abbina alla livrea Blue Chief, un omaggio alla Cherokee del 1977, un kit di rialzo da 2”, una barra stabilizzatrice speciale, cerchi in lega da 17 pollici della serie Performance Gladiator e pneumatici maggiorati (265/75) oltre ai paraspruzzi, al tappo carburante nero, ai badge dedicati e a un kit carrozzeria decisamente aggressivo.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

tutor ok

Tutor di nuovo attivo entro pochi giorni. La Cassazione dà ragione ad Autostrade

dodge_viper_rt_10 rossa

Youngtimer – Dodge Viper, storia della supercar che non c’è più. Purtroppo

Monopattini e hoverboard elettrici, Milano dice stop. Per ora. E il resto d’Italia?