Koenigsegg Agera RS: uno 0-400-0 km/h da urlo

26 ottobre 2017 - 12:10

C’erano ancora tracce di champagne sulla carrozzeria… In Bugatti non hanno fatto in tempo a lavare la carrozzeria della Chiron, che già il record sullo 0-400-0 km/h aveva preso la strada della Svezia. Strappato dalle mani francesi dalla Koenigsegg che, con la Agera RS, ha polverizzato il primato della hypercar francese, completando la prova in 36,44 secondi contro i 41,96 secondi della W16 transalpina. La Bastiglia è presa.


Il record in Danimarca
La Chiron, con al volante l’ex pilota di Formula 1 Juan Pablo Montoya, aveva ottenuto una prestazione monstre grazie ai 1.500 cv erogati dal ciclopico 16 cilindri a W di 8,0 litri sovralimentato mediante 4 turbocompressori, al cambio a doppia frizione DSG a 7 rapporti – in grado d’assicurare passaggi di marcia in 150 ms – alla trazione integrale e all’alettone che funge anche da freno aerodinamico. Quando sembrava che nessun’altra auto di serie potesse insidiare il primato sullo 0-400-0 km/h, ecco scendere sull’asfalto di Vandel Airfield, un ex-aeroporto militare danese della Seconda guerra mondiale, la Koenigsegg Agera RS.


Lo stesso motore della hypercar One:1
A confronto con la Chiron, i 1.360 cv dell’Agera RS Gryphon sembrano quasi pochi. Dopo aver fatto dell’alimentazione a bioetanolo uno dei propri cavalli di battaglia, aver portato il V8 32V di 4,7 litri di derivazione Ford, mutuato dalle “vecchie” CCXR e Trevita, a 5,0 litri e aver sostituito i tradizionali compressori centrifughi Rotrex con due turbocompressori, Koenigsegg si è spinta oltre, dando vita a un’evoluzione ancor più radicale della già estrema Agera RS. La versione Gryphon, dedicata alla mitologica figura del Grifone, vede il V8 5.0 biturbo Ford – il medesimo propulsore della hypercar One:1 – passare da 1.160 a 1.360 cv in abbinamento a una trasmissione sequenziale a 7 rapporti.

Freni carboceramici
Forte di ammortizzatori a gas Öhlins tipo push-rod regolabili elettronicamente dall’abitacolo, del controllo della trazione con 5 diversi setting, dell’impianto frenante carboceramico e della struttura semi-monoscocca in carbonio con rinforzi in Kevlar e alluminio alveolare abbinata alla carrozzeria in fibre composite, l’hypercar francese è stata guidata da Niklas Lilja. Il collaudatore Koenigsegg ha portato la Agera RS da 0 a 400 a 0 km/h in 36,44 secondi. Percorrendo, oltretutto, 2.441 metri contro i 3.112 metri impiegati dalla Bugatti Chiron.


Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

alfa_romeo_SZ rossa tre quarti anteriore

Alfa Romeo SZ e RZ, design “difficile”, meccanica autentica – Youngtimer

Skoda-Octavia-wagon

Altro che SUV, le migliori 10 station wagon fra i 20.000 e i 30.000 euro

Le auto costano troppo? No, ecco perché