Mini John Cooper Works GP, la più veloce di sempre

4 cilindri turbo, 220 kW, spoiler, minigonne, sospensioni speciali... Sarà realizzata in soli 3.000 esemplari, che vedranno la strada nel 2020.

13 febbraio 2019 - 19:13

Un giocattolo da 300 cv è senza dubbio un bel modo per celebrare un compleanno importante come quello dei 60 anni. Così devono aver pensato in Mini quando hanno deciso di mettere su strada un’altra John Cooper Works GP, o meglio, di metterla in cantiere, perché le sue ruote toccheranno l’asfalto il prossimo anno, nel 2020.

Presentata come concept al Motor Show di Francoforte nel settembre 2017, i grandi grembiuli anteriori e posteriori, uno straordinario spoiler sul tetto e l’utilizzo generoso di materiali leggeri hanno subito fugato ogni dubbio sulle ambizioni sportive del progetto. Il quadro è completato dal motore turbo 4 cilindri con una potenza superiore a 220 kW/300 cv e dotato della tecnologia Mini TwinPower Turbo, che la rende la Mini più veloce e potente mai realizzata omologata per circolare su strada.

Lo sviluppo della produzione in serie per la nuova Mini John Cooper Works GP sta entrando in una fase cruciale, vale a dire quella in circuito, dove nei prossimi mesi saranno effettuati i test della vettura. Come vuole la tradizione, le sospensioni sono state sviluppate appositamente in modo da sposare perfettamente le prestazioni del nuovo motore e le caratteristiche dinamiche dell’auto. Anche l’aerodinamica è stata oggetto di studi accurati, così come la distribuzione dei pesi, affinata di pari passo con la tecnologia di trazione e le sospensioni, per creare un pacchetto all-in mirato alla massimizzazione delle performance.
Il punto di riferimento degli ingegneri, nel mettere a punto la nuova Mini John Cooper Works GP, è stato infatti il tempone sul giro del Nürburgring-Nordschleife, fatto segnare dal modello precedente, un notevole 8’23”.

Il destino della nuova Mini John Cooper Works GP sembra già segnato. Seguirà senza dubbio le orme delle altre fuoriserie che l’hanno anticipata, come il modello precedente, prodotto in un’edizione limitata di 2.000 esemplari e la Mini Cooper S con il kit John Cooper Works GP del 2006, divenute entrambe ambiti modelli collezione. Anche questa nuova versione sarà prodotta in tiratura limitata ed è quasi certo che tutti i 3.000 esemplari previsti saranno già assegnati prima del lancio ufficiale.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Porsche, a Franciacorta il primo Experience Center italiano

Porsche 911 996

Youngtimer – Porsche 911, la rivoluzione della 996

Alfa Romeo Giulia Elettrica ECTR Romeo Ferraris

Alfa Romeo Giulia Elettrica ETCR
Pronta per la pista