Nuova Citroën C5 X, ecco perché è una vera ammiraglia

Dal mercato cinese, dove non hai mai smesso di essere commercializzata, Citroën C5 ritorna in Europa, ma ora si veste da ammiraglia

Dopo il recente teaser è stata finalmente svelata la nuova ammiraglia del Double Chevron, nome di battesimo Citroën C5 X. Il marchio francese punta ad una presenza più consistente nel segmento D e questa nuova generazione – non stiamo parlando di un restyling – sembra avere tutte le carte in regola per rappresentare per la casa francese. Considerando un mercato ormai allergico alle berline e che non lascia troppo spazio alle station wagon, Citroën ha deciso di puntare ad un ibrido che non invada troppo il terreno dei marchi tedeschi, proponendosi piuttosto come alternativa.

Citroën-C5-X-frontale-dinamica

A primo impatto una station wagon – a seguire parleremo di forme e misure – dalle linee sicuramente originali e non banali ma la “X” nella sigla lascia trasparire un’accezione da SUV, almeno per quanto riguarda l’assetto rialzato che la potrebbe avvicinare come filosofia anche alle Station Wagon “avventurose”. Fino ad oggi, l’ultimo modello C5 era rappresentato dalla seconda generazione (2017), oltre ad un concept molto futuristico – e già si puntava alla fascia “premium” del segmento D, territorio presidiato dalle Case tedesche. Tuttavia, mentre C5 si lanciava sul mercato cinese abbandonava quello europeo: le immatricolazioni nel Vecchio Continente si sono drasticamente ridotte a partire dal 2018 fino all’abbandono del modello.