Nuova Skoda Fabia, praticità, tecnologia, design. La prova

Costruita sulla piattaforma di Audi A1 e Volkswagen Polo, è dotata di avanzati sistemi di assistenza alla guida.

Cos’hanno in comune Audi A1, Seat Ibiza, Skoda Fabia e Volkswagen Polo? Molto, moltissimo, a partire dalla piattaforma MQB A0 su cui sono costruite. Qualcuno, eccedendo nelle semplificazioni, sostiene che si tratti della stessa macchina, con qualche differenza di design e un gap molto grande in termini di prezzo, dovuto allo status del marchio. In realtà non cambiano solo design e marchi, ma anche le priorità progettuali. La nuova Skoda Fabia, per esempio, mette la praticità davanti a tutto. Con una differenza rispetto al passato, però.

L’ultima generazione, infatti, pur nel rispetto delle tradizioni, punta come mai prima d’ora sul design. Ma andiamo con ordine: tecnicamente questa auto si colloca nel segmento “B”, ma guai a pensare alle utilitarie di una volta. Sulla nuova Skoda Fabia (lunga 4,11 m, larga 1,78 e alta 1,46) ci sono ADAS e tecnologie di connettività che molte auto anche di segmento superiore tuttora non offrono nemmeno a pagamento. E ci sono anche i fari a led sempre di serie.