Skoda Kodiaq RS, se la cattiveria è a gasolio

240 CV per raggiungere i 221 km/h, DSG e trazione integrale. La SUV a 7 posti più veloce del 'Ring vuole stuzzicare i papà più sportivi

12 dicembre 2018 - 13:12

La SUV a 7 posti più veloce al Nurburgring, con un tempo di 9:29,84 sulla Nordschleife. Basterebbe questo per accendere i riflettori sulla Skoda Kodiaq RS. Ma questa sport utility decisamente cattivella verrà ricordata negli annali dell’automobilismo anche per un altro motivo: è spinta da un cuore a gasolio.


Biturbo e integrale
Si tratta di un 2.0 TDI che, complice il doppio turbo, eroga 240 cv. La sovralimentazione è a due stadi: una turbina piccola contribuisce a migliorare la reattività ai bassi regimi, mentre l’altra, grande, dà manforte soprattutto agli alti. Il tutto, senza fastidiosi “lag” di risposta, assicurano in Skoda. La trazione integrale permette alla Kodiaq RS di accelerare da 0 a 100 km/h in 6,9 secondi e di toccare i 221 km/h.


Migliorie necessarie
Per gestire i 500 Nm a 1.750 giri-2.500 giri, la coppia più elevata della gamma, Skoda Kodiaq RS monta il cambio DSG a 7 rapporti e riceve anche il Dynamic Sound Boost, per la modulazione del sound motore. I tecnici hanno poi ottimizzato in chiave sportiva la regolazione adattiva dell’assetto DCC e adeguato l’impianto di raffreddamento alla maggiore potenza.


Dotazione ricca
All’interno della Skoda Kodiaq RS spicca la strumentazione Virtual Cockpit, di serie, che aggiunge una modalità di visualizzazione sportiva. Ordinabile anche in versione 7 posti, la grande SUV boema è ben dotata anche dal punto di vista della sicurezza. Di serie ci sono cruise control adattivo, riconoscimento stanchezza conducente e Front Assistant con riconoscimento pedoni. Fra gli altri, non mancano il navigatore, la connettività Apple CarPlay e Android Auto e il sistema Keyless.

 

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

tutor ok

Tutor di nuovo attivo entro pochi giorni. La Cassazione dà ragione ad Autostrade

dodge_viper_rt_10 rossa

Youngtimer – Dodge Viper, storia della supercar che non c’è più. Purtroppo

Monopattini e hoverboard elettrici, Milano dice stop. Per ora. E il resto d’Italia?