Nuova Toyota Supra, 340 cv… tedeschi

Costruita su una piattaforma in comune con BMW, la coupé giapponese sviluppata al 'Ring raggiunge i 250 km/h. In Italia costerà 67.900 euro

14 gennaio 2019 - 17:01

Era da un po’ che Toyota… ci girava attorno. Prima la GT86, sviluppata congiuntamente con Subaru, che ri-cominciava a mettere al centro il piacere di guida. Adesso, dopo una campagna di lancio praticamente infinita, ecco “la” novità dell’anno per le Tre Ellissi: la nuova Toyota Supra, presentata in pompa magna al Salone di Detroit 2019.
Piattaforma condivisa con BMW

Giunta alla quinta generazione, la sportiva jap nasce su una base condivisa con la BMW Z4, la piattaforma modulare CLAR. Per una lunghezza di 4,38 metri e un’altezza di 1,29, con un passo pari a 2,47 metri. Un rapporto ideale, secondo i tecnici della Gazoo Racing, la divisione sportiva di Toyota, per un’auto che vuole graffiare tra le curve.

La linea mischia elementi del passato (guardate com’era la Toyota 2000 GT) con tratti ripresi dalla più recente concept FT-1, datata 2014. Una forma che ha “vestito” uno schema meccanico quasi vecchio stile: motore anteriore e trazione posteriore. A spingere la nuova Toyota Supra c’è un 6 cilindri in linea da 340 cv e 500 Nm di origine BMW, con turbo Twin-Scroll, iniezione diretta di benzina e fasatura variabile delle valvole. Per uno 0-100 da 4,3 secondi, grazie al cambio automatico a 8 rapporti e alla modalità Launch Control.
Sviluppata al ‘Ring

La trazione è posteriore e non manca un un bel differenziale a controllo elettronico, con percentuale di bloccaggio che può arrivare fino al 100%. Di rilievo anche il reparto sospensivo, perché la nuova Toyota Supra monta sospensioni anteriori McPherson e posteriori Multilink mentre i freni sono stati sviluppati da Brembo, con dischi da 348 mm davanti e 345 mm dietro. Se la ripartizione dei pesi è esattamente al 50:50, la bilancia ferma il suo ago a 1.495 kg a secco. I cerchi da 19″, infine, calzano Michelin Pilot Super Sport. Se ancora non siete convinti, ad ulteriore garanzia del comportamento stradale della nuova Toyota Supra c’è lo sviluppo, avvenuto sul circuito della Nordschleife, banco di prova preferito dei tecnici Gazoo Racing.
Abitacolo incentrato sulla guida

Dentro, la nuova Toyota Supra mantiene un certo sapore di BMW: dalla leva del cambio al monitor del sistema di infotainment, sono molti gli elementi che ricordano le auto dell’Elica. Nonostante questo, la plancia e il cockpit sono stati realizzati ad hoc per la Supra, strumentazione digitale e head-up display compresi. Se all’interno sono disponibili solo due posti, il bagagliaio offre fino a 290 litri di capienza.
900 gli esemplari previsti per l’Europa

Sono solo 900 le Toyota Supra destinate al Vecchio Continente: in Italia la sportiva giapponese arriverà intorno all’estate, ad un prezzo di 67.900 euro. E con un allestimento unico, piuttosto ricco: di serie infatti ci saranno sospensioni adattive, cruise control con funzione stop&go, impianto audio Premium JBL con 12 altoparlanti, display da 8,8 pollici, sistema di navigazione con Supra Connect, Bluetooth e ingresso USB. Ma anche Blind Spot Monitor, Lane Change Warning, Rear-Cross Traffic Alert, Rear-end Collision Warning e sensori di parcheggio con funzione freno. Per i primi 90 fortunati ad ordinarla c’è anche l’allestimento A90 Edition, 90 pezzi con livrea Matt Storm Grey, cerchi in lega nero opaco e interni in pelle rossa.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Share Now
Smart Fortwo Cabrio in città

Alfa Romeo
Giulia Quadrifoglio
in oro per la 1000 Miglia

Salone dell’Auto di Torino 2019
Parco Valentino