Nuova Volkswagen Touareg, antipasto di futuro

La grande SUV tedesca si pone come punta di diamante della gamma di sport utility Volkswagen. Con un design massiccio, più bagagliaio e una dotazione tecnologica da leccarsi i baffi

27 marzo 2018 - 10:03

Sembra proprio che non ci siano due T senza tre, nella famiglia SUV di VW: dopo T-Roc e Tiguan, ecco arrivare la terza “T”, la nuova Volkswagen Touareg. Che fa la sua comparsa in prima mondiale al Salone di Pechino. Il tutto, dopo 16 anni di vita del modello e tre generazioni.


Più centimetri, ma non in altezza
Ispirato agli ultimi dettami stilistici di Wolfsburg, il muso della nuova Volkswagen Touareg è massiccio e… cromato, con la mascherina – molto sviluppata in senso orizzontale – che ingloba i gruppi ottici. Più morbidi i tratti posteriori, con luci a LED e nome modello in bella evidenza. Costruita sul pianale MLB, la carrozzeria si allunga fino a 4,88 metri (+7,7 cm) si allarga a 1,98 metri (+4,4 cm) e si abbassa a 1,70 m (-7 mm). Tutto ciò ha portato ad un vano bagagli decisamente più generoso, adatto (dice la Casa) a trasportare le valigie di 5 persone. La capacità di carico raggiunge infatti gli 810 litri, cioè ben 113 in più rispetto al vecchio modello.


Bottoni addio
Ma la vera, piccola-grande rivoluzione della nuova Volkswagen Touareg è in abitacolo, dove debutta per la prima volta l’Innovision Cockpit. In pratica, i tradizionali comandi fisici sulla parte centrale della plancia sono stati quasi tutti sostituiti – sugli allestimenti più ricchi – da un maxischermo touch e curvo da 15″ (1.920×1.020 pixel) che contiene un sacco di funzioni. Da qui si comandano clima o il massaggio dei sedili, mentre comandi come volume impianto audio sono rimasti “fisici”. Il touch centrale fa il paio con un altro schermo, da 12″, che funge da quadro strumenti. Quasi inutile ricordare che il livello di connettività è al top: oltre a MirrorLink, Apple CarPlay e Android Auto, c’è anche la possibilità di avere l’hotspot WLAN e amenità quali navigatore on line con mappe 3D e impianto audio Dynaudio da 730 Watt e 14 altoparlanti. La radio, fra l’altro, commuta autonomamente fra segnale tradizionale e via web, per la migliore qualità d’ascolto possibile. In abitacolo è poi possibile scegliere fra diversi inserti in legno, pellami e rivestimenti.


Un domani arriverà anche la ibrida plug-in
La nuova Volkswagen Touareg, in arrivo non prima dell’estate, è disponibile inizialmente con due V6 TDI, da 231 (500 Nm) e 286 CV (600 Nm). In seguito, da noi saranno in vendita anche un V6 benzina TSI da 340 CV e 450 Nm e un V8 a gasolio da 400 CV. Per tutte, trazione integrale 4Motion e cambio automatico ZF a 8 marce. Ma senza dimenticare le plug-in hybrid, con cuori a benzina a sei o otto cilindri (a V). Per guidare tutta questa potenza, i tecnici VW hanno pensato a sospensioni pneumatiche (7 i cm di escursione), barre antirollio attive e asse posteriore sterzante. Cinque le modalità di guida, compresa una dedicata alla terra, la Off Road.


Angeli custodi solerti
Quasi infinita la lista dei dispositivi elettronici di sicurezza. La nuova Touareg può contare, fra i tanti, su assistenza nella guida in colonna (guida parzialmente autonoma fino a 60 km/h), frenata di emergenza e riconoscimento pedoni, assistenza per il mantenimento della corsia e per il cambio di corsia), Trailer Assist (assistenza alle manovre con rimorchio) e Park Assist (dispositivo semi-autonomo di ingresso e uscita dal parcheggio). Tutto ciò senza dimenticare il sistema Nightvision, da usare nelle ore notturne e i fari LED intelligenti.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Renault Clio Cup Italia 2019, ultimo atto

Seat Ibiza, Arona e Tarraco: in arrivo nuove motorizzazioni 

Mazda EV, una prima volta… elettrica