Opel Insignia Country Tourer: allarga gli orizzonti

6 aprile 2017 - 10:04

Grand Sport, Sport Tourer e, ora, Country Tourer. Debutta la terza versione della rinnovata Insignia, caratterizzata dalle 4WD, da un’estetica ispirata alle crossover e dall’assetto rialzato di 2 cm rispetto allo standard. Un’auto dalle dimensioni generose, è lunga 4,9 metri, destinata a scontrarsi con una rivale del calibro della Volkswagen Passat Alltrack.


Look offroad
Derivata dalla versione wagon della nuova Insignia, la Country Tourer condivide con la famigliare Opel il pianale, l’interasse maggiorato di 9,2 cm rispetto al passato, a tutto vantaggio dell’abitabilità posteriore, e un alleggerimento medio quantificabile in oltre 150 kg. A livello estetico si notano le protezioni a contrasto in corrispondenza degli archi passaruota e la piastra paramotore che conferiscono alla vettura un look offroad, mentre sotto il profilo tecnico spicca la tecnologia FlexRide che consente di adattare allo stile di guida, o a uno dei programmi di marcia selezionati (Standard, Sport o Tour), la taratura degli ammortizzatori a gestione elettronica, la servoassistenza dello sterzo, la logica di gestione del cambio automatico e la reattività del propulsore.


Funzione Torque Vectoring
Alla trasmissione automatica a 8 rapporti del tipo mediante convertitore di coppia, prodotta dallo specialista Aisin, si dovrebbe affiancare un nuovo motore turbodiesel top di gamma, mentre la trazione integrale si avvale di un raffinato sistema di ripartizione della coppia che, in condizioni ordinarie, trasmette la spinta al solo avantreno, mentre in caso di superfici a ridotta aderenza distribuisce sino al 60% dei kgm al retrotreno. L’assale posteriore di tipo multilink a cinque bracci, nello specifico, non è corredato di un comune differenziale, bensì di una frizione a comando elettronico in corrispondenza di ciascuna ruota, così da rendere disponibile la funzione Torque Vectoring.

Fari a matrice di LED
In abitacolo, analogamente alla berlina e alla wagon della gamma Insignia, spicca la plancia dominata dal display touchscreen centrale, con il sistema d’infotainment corredato dei comandi vocali, della connettività con gli smartphone secondo i protocolli Apple CarPlay e Android Auto oltre che dei servizi online Opel OnStar, della funzione hotspot Wi-Fi e della ricarica wireless per i device portatili. Sotto il profilo della sicurezza non mancano i più recenti ritrovati, ad esempio la frenata automatica d’emergenza, l’head-up display, la telecamera con vista a 360°, il monitoraggio del traffico alle spalle del veicolo, l’avviso di superamento involontario della linea di corsia e il cruise control adattivo, cui si aggiungono gli innovativi fari adattivi IntelliLux a matrice di LED.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

ford_puma_st verde tra quarti anteriore

Ford Puma ST, 200 cv per le faccende quotidiane

nuova BMW M3

BMW M3 vs Tesla Model S Plaid, la sfida “folle”

Citroën C4 e ë-C4, al via gli ordini