Non stavano affatto scherzando. Dal 2020, la SUV a zero emissioni I.D. Crozz, recentemente rinnovata, verrà commercializzata negli States. La Volkswagen introdurrà così in Nord America il primo modello frutto del progetto “elettrico” I.D. Il lancio della sport utility a batteria costituirà l’incipit della strategia di elettrificazione messa in atto dalla Casa di Wolfsburg, che prevede entro il 2025 la creazione di una gamma di 15 modelli EV.

Volkswagen I.D. Crozz II 2018 statica
Piattaforma modulare MEB

Terzo atto della saga I.D., la Crozz II è una sport utility a quattro posti dalla linea intermedia tra una crossover e una coupé. Sviluppata sulla base della piattaforma modulare MEB, dedicata alla propulsione elettrica, è lunga 4,6 metri – vale a dire 11 cm in più rispetto all’attuale Tiguan – e può contare su di un passo generoso (2,77 metri) e una capacità di carico di 515 litri con quattro persone a bordo. Secondo la Casa, lo spazio in abitacolo sarebbe paragonabile alla Tiguan Allspace, la variante a sette posti della SUV tedesca, nonostante la linea aggressiva della vettura. Un plus reso possibile dai ridotti ingombri del powertrain elettrico.

4WD a gestione elettronica

La I.D. Crozz II sarà mossa, nello specifico, da due motori a batteria – uno in corrispondenza di ciascun assale, così da disporre della trazione integrale a gestione elettronica – capaci di erogare complessivamente 306 cv a fronte di un’autonomia di 500 km. Raggiungerà una velocità massima di 180 km/h e i tempi di ricarica, a patto di optare per colonnine ad alta capacità (150 kW), si ridurranno a 30 minuti per ripristinare l’80% dell’energia nelle celle al litio da 83 kWh.

Volkswagen I.D. Crozz II 2018 statica
Addio comandi fisici

Sportiva, non solo nelle linee. Promette anzi un comportamento dinamico appagante, forte di una bilanciata distribuzione dei pesi tra avantreno e retrotreno. La massa della vettura è infatti ripartita al 48% sull’assale anteriore e al 52% sul posteriore. Vera protagonista dell’auto è però l’alta tecnologia, che riduce al minimo i comandi fisici in favore di una plancia caratterizzata da due display multifunzione ai quali si aggiunge l’head-up display corredato della realtà aumentata. Analogamente alle altre vetture della gamma I.D., la possibilità di optare per la guida autonoma fa sì che il volante rientri nella plancia, a tutto vantaggio della libertà dei movimenti. E l’apertura delle portiere? Mediante comandi vocali. Un nuovo mondo. Che avrà inizio nel 2020.

Volkswagen I.D. Crozz II 2018 tecnica