Fantic Issimo, ritorno a pedali

13 novembre 2018 - 13:11

Stavano per finire gli Anni 80 quando Fantic presentò l’Issimo. A quei tempi, parcheggiati fuori dal liceo, c’erano frotte di Ciao, Sì e Garelli Vip ma anche lui riuscì a trovare spazio e si guadagnò una discreta fortuna.
L’ELETTRICO FA TENDENZA
Sono passati quasi quarant’anni e per rendersi conto di come siamo cambiati basta guardare il pronipote dell’Issimo che Fantic ha presentato all’Eicma. Definitivamente sepolti i Cinquantini, sembra che i ragazzini abbiano ritrovato qualche interesse per i Centoventicinque; l’unica reale certezza, però, è che nessun giovinetto sbava più come una volta davanti alle vetrine dei concessionari… Succede che invece, soprattutto a Milano e nelle città che più vivono il fermento culturale dei nostri tempi, il nuovo trend della mobilità è elettrico. Sia per una questione di mentalità legata all’attenzione verso l’ambiente, sia quasi per necessità poiché oggi “elettrico è figo”.
ORIGINALE E TECNOLOGICO
L’Issimo ha un look che richiama molto quello del bisavolo, con un bel telaio in alluminio a traliccio che caratterizza e alleggerisce l’avantreno nel quale spicca invece il gommone da 4.0″ sulla ruota da 20″. La power unit è Bafang da 250 W e 95 Nm di coppia, con batteria da 630 Wh, autonomia massima di 120 km e cambio interno al mozzo posteriore. I ragazzi di Fantic hanno spifferato che sarà presto disponibile anche la versione S-Pedelec (con velocità max di 45 km/h).

ESPERIENZA FANTIC
Se ruote e telaio sono gli elementi distintivi dell’Issimo, non bisogna sottovalutare la ciclistica, progettata da Fantic (una delle Case che meglio se la cava nell’ambito delle e-Mtb) e il peso contenuto sotto i 30 kg, che dovrebbero essere garanzia di agilità, stabilità e sicurezza. Sono previsti due allestimenti – Fun e Urban -, accomunati dalle caratteristiche tecniche, dalla presenza di luce anteriore e posteriore e dalla connettività con lo smartphone, ma differenti per le gomme, più tassellate sul Fun, che monta un manubrio da BMX, e per la presenza di un portapacchi sull’Urban, che è predisposto per il montaggio di una batteria aggiuntiva.
SCHEDA TECNICA
Telaio: in alluminio con struttura anteriore a traliccio
Motore: 36 V, potenza max 250 W, Coppia 95 Nm
Display: multifunzione retroilluminato
Batteria: Fantic, ioni di litio 630 Wh
Forcella: conica in alluminio
Pignone: 16 T
Cambio: interno al mozzo posteriore
Freni: a disco idraulici, ant/post 180 mm
Reggisella: Ø 30,9 mm
Ruote: 20”x4.0″ ant/post

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

EMTB Adventure, bici e gastronomia sul Garda Trentino

Ibis Ripley, la saga continua

Shimano RX8, la piuma del Gravel