Grafene 2.0, la gomma è sempre più veloce

Il Grafene si evolve e la sua seconda generazione consente di migliorare le prestazioni specifiche degli pneumatici, che diventano più veloci e resistenti.

18 marzo 2019 - 17:18

Nel 2015 Vittoria ha lanciato i primi pneumatici costruiti utilizzando il Grafene, materiale che in molti ambiti dell’industria ha rivoluzionato prodotti e scenari. Da allora, il marchio italiano ha dato vita a una gamma completa di pneumatici premium, che utilizzano questo “ingrediente” in grado di riempire gli spazi tra le molecole della gomma, un milione dei quali sono dedicati alle competizioni. Ora, grazie all’evoluzione del Grafene e all’arrivo della versione 2.0, altri scenari si aprono.

 

SECONDA GENERAZIONE

A differenza del Grafene di prima generazione, il nuovo Grafene 2.0 è studiato per migliorare le prestazioni specifiche degli pneumatici. In altre parole, mentre la prima generazione di composti di Grafene ha alzato il livello in modo uniforme, il Grafene 2.0 è in grado di aumentare le singole misurazioni di prestazione e in modo  sproporzionato rispetto alle altre. Vittoria è ora in grado di utilizzare il Grafene in modo tale da ottenere un incremento delle prestazioni in modo specifico per migliorare di volta in volta velocità, aderenza sul bagnato, durata e resistenza alle forature.a seconda dell’utilizzo dell’utilizzo (Road o Mtb) e della tipologia delle gomme (race, all-round, training).
Ma l’utilizzo del Grafene non è l’unico fiore all’occhiello della tecnologia Vittoria. Il marchio italiano è infatti l’unico che realizza pneumatici destinati alla Mtb con battistrada in quattro mescole, ciascuna con una funzione specifica, che contribuisce a innalzare il livello delle prestazioni.

QUATTRO MESCOLE

 

La tecnologia di stratificazione composita 4C si basa sull’utilizzo di diverse mescole alla base del battistrada e in superficie, sia nella parte centrale sia in quella laterale. Questo approccio consente di personalizzare separatamente la flessibilità della base del battistrada e della superficie, posizionando la giusta durezza del composto di Grafene 2.0 esattamente dove serve per massimizzare le prestazioni in curva, in salita, in rotolamento e in frenata. Risultano inoltre migliorate la durevolezza e la protezione dalle forature, in quanto la mescola robusta alla base resiste meglio alle forature e fornisce una supporto più stabile adatto anche ai terreni più difficili.
Ciascuno dei 4 strati è composto da diversi tipi di gomma naturale e sintetica, miscelati in modo tale da ottenere la mescola che funziona meglio per l’uso desiderato. Ciò consente infinite personalizzazioni del singolo strato in base alle esigenze dello pneumatico.

 

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Trek Top Fuel m.y. 2020, cambia tutto

Continental in Rosa

Bontrager WaveCel, nuovo alleato per il nostro cervello