Trek Powerfly FS 2018

3 gennaio 2018 - 15:01

A metterle una di fianco all’altra sembrano lontane anni luce, in realtà a separare la vecchia (guardala nella nostra Supersfida e-Mtb) e la nuova Trek Powerfly FS c’è solo una stagione… Una stagione nella quale però c’è stato un vero salto di generazione, soprattutto in termini di soluzioni di alloggiamento della batteria, così ora quasi tutte le e-bike adottano l’integrazione nel tubo obliquo, che a uno sguardo distratto le fa sembrare quasi delle biciclette muscolari.
NUOVA GENERAZIONE

Anche Trek ha dunque sposato la soluzione della batteria integrata, seppure con un “annegamento” parziale, scegliendo di posizionare sul lato sinistro del tubo obliquo l’attacco per la ricarica.
Confermata la partnership con Bosch, che fornisce la batteria Powerpack Performance 500, il motore Performance CX da 250 Watt e 75 Nm di coppia e il display Purion, retroiluminato, con i comandi per i 4 riding mode: Eco, Tour, Turbo ed E-Mtb, modalità quest’ultima che permette di pedalare in combinazione Tour e Turbo con selezione automatica definita dal sistema, che rileva la pressione sui pedali e il tipo di terreno.

GEOMETRIE E IMPOSTAZIONE

Se il carro rimane invariato, sia per misure sia per schema della sospensione (con sistema Active Braking Point, che svincola il lavoro dell’ammortizzatore dall’azione sul freno posteriore), la nuova soluzione per la batteria implica qualche modifica nell’impostazione del triangolo.
Gli angoli sella e sterzo diventano 74,9° e 67,4°, pur mantenendo inalterata la lunghezza dell’orizzontale effettivo a 63,4 mm (taglia 19,5″), il movimento centrale si alza di 6 mm e il reach passa da 890 mm a 910 mm. L’offset rimane a quota 51 mm mentre il trail aumenta da 89 mm a 91 mm. L’interasse, a 1.242 mm, non cambia.

ALLUMINIO SCELTA VINCENTE

Il telaio conferma la costruzione in alluminio Alpha Platinum, a spessori differenziati, lavorato con estrusione a freddo e idroformatura dei tubi. L’obliquo continua a essere senza curvatura in corrispondenza del nodo sterzo, così da ottimizzare il rapporto peso/rigidità; per salvaguardare il telaio, Trek ha utilizzato il sistema Knock Block, studiato per evitare impatti tra forcella e tubo obliquo e tra manubrio e tubo orizzontale. Anche il motore ha un guscio realizzato per proteggerlo dagli impatti con eventuali ostacoli, è il Motor Armor, in lega di alluminio.

La nuova Powerfly FS è disponibile anche in versione LT (long travel), con escursione portata a 150 mm e più orientata al freeride, e in cinque allestimenti che differiscono per componentistica e prezzo (5 FS a 4.099 euro, 7 FS Plus a 4.999 euro, 8 LT Plus a 5.449 euro, 9 LT Plus a 6.199 euro e 9 FS Plus a 6.199 euro).


SCHEDA TECNICA – TREK POWERFLY FS

Batteria: integrata Bosch Powerpack Performance 500
Controller: Bosch Purion Performance
Motore: Bosch Performance CX, 250 Watt, 75Nm
Telaio: alluminio Alpha Platinum, ABP, EVO Link, Knock Block, passaggio cavi interno, geometria G2, escursione 130 mm
Forcella: Fox Performance 34 Float, offset 51 mm, escursione 130 mm
Ammortizzatore: RockShox Deluxe RT3
Trasmissione: SRAM EX1, 1×8, guarnitura 15T, cassetta 11-48
Freni: SRAM Guide RE
Ruote: Bontrager Powerline Comp 40, Tubeless Ready, Boost110 ant., Boost148 post.
Pneumatici: Schwalbe Nobby Nic Performance, Tubeless, 27.5″ x 2.80˝
Reggisella: Bontrager Drop Line, 31.6 mm
Manubrio: Bontrager Line, 35 mm, 15 mm rise, larghezza 750 mm
Attacco manubrio: Bontrager Line, Knock Block, 35 mm, 0 gradi, lunghezza 60 mm
Peso: 23,13 kg (taglia 17,5″)

Altre info

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Vittoria Agarro, allround senza limiti

Trek, nuova sede italiana inaugurata con i campioni

FastRoad e Thrive, la mobilità urbana secondo Giant