1000 km con KTM 790 Duke

Motore bicilindrico parallelo da 799 centimetri cubi, 105 cavalli, solo 185 chili di peso. Si inserisce con prepotenza in settore, quello delle naked medie, dove la battaglia per il dominio del mercato è tra le più aspre. In più completa la gamma che parte dalle piccole monocilindriche e, passando dall’agilissima 690 arriva alla prepotente 1290. Ecco il diario dei miei mille chilometri con… KTM 790 Duke

18 maggio 2019 - 17:39

La KTM 790 Duke si butta decisa nel mercato delle medie, cioè le moto che dovrebbero distinguersi per ottime prestazioni, cilindrate ragionevoli e pesi contenuti. Partiamo dal prezzo di 9.899 euro. Cifra d’attacco, che sembra definita apposta per lasciare in tasca quel che serve per potersi sbizzarrire con le personalizzazioni del catalogo Power parts. Stop: parliamo di tecnica! Il motore bicilindrico parallelo fronte marcia è incastonato in un telaio che rispetta lo schema classico di KTM, quindi è a traliccio in tubi d’acciaio.

Triangolazione perfetta per il divertimento. È così per la nuda austriaca, che punta tutto sulle quote vitali per rendere divertente ogni singolo momento di guida: anche solo per uscire svelti dalla salita dei box. Ecco le sue caratteristiche principali. Avantreno svelto, forcella da 43 mm di diametro non regolabile, avancorsa “tirata” a 98 mm e angolo del cannotto a 24 gradi. Interasse lungo: 1.475 mm, Scelta razionale per avere un buon bilanciamento dei pesi, motore vicino al centro di gravità e un forcellone molto lungo, per dare sempre un buon grip meccanico alla gomma posteriore quando si dà gas, e monoammortizzatore regolabile nel precarico della molla e nel ritorno.

192 KM MA QUANTO È AGILE?

421 KM SU MISURA PER IL MISTO

608 KM IL BELLO DELL’ELETTRONICA

972 KM CONCLUSIONI

IL VIDEO DELLA PROVA

Commenta per primo