1000 km con Suzuki Katana

Mi ci sono voluti trent'anni per poterla guidare, anche se di uguale a quella che mi ha turbato l'adoloscenza ci sono solo il nome e le linee.

18 settembre 2019 - 15:55

Quella di Suzuki non è stata una “operazione nostalgia” e la nuova Katana tutto è tranne che un modello vintage; si tratta di una profonda reinterpretazione del passato, in una moto molto moderna. La nuova Katana è stata sviluppata partendo dalla GSX-S1000, modello scelto per le qualità del telaio, con proprietà dinamiche ottimali per una moto da guidare ogni giorno e per le prestazioni del motore, che permette divertirsi senza troppa fatica. Se della nuda mantiene la misura dell’interasse (1.460 mm), se ne discosta per la sella più alta di 15 mm e il manubrio più largo di 35 mm, con una ergonomia studiata in ottica comfort.
Il motore è ricco di carattere, per ricreare le sensazioni che la prima Katana era capace di regalare, ma i suoi quasi 150 cv sono stati un po’ addolciti nell’erogazione per essere sempre godibili. La raffinata ciclistica è completata da sospensioni Kayaba completamente regolabili e impianto frenante con doppia pinza Brembo radiale all’anteriore.

250 KM

500 KM

750 KM

1000 KM

IL VIDEO DELLA PROVA

Commenta per primo