1000 km con Suzuki Katana

18 settembre 2019 - 15:55

La Katana “originale” ruppe gli schemi e anticipò di dieci anni linee e volumi delle moto sportive, oltre a spostare per la prima volta il pilota da “sopra” a “dentro” la moto. Aveva un gran motore, cosa che è stata replicata anche sulla versione moderna, aprendo il cassetto delle GSX-R1000 e ripescando il K5 del 2005.  Visto, però, che la guidabilità avrebbe dovuto essere la dote principale della nuova Katana, i 150 cv del 4 cilindri sono stati addomesticati e redistribuiti, insieme alla coppia di 108 Nm, ai regimi medio/bassi. Il risultato è molto buono, con una spinta vigorosa ma gestibile che ti accompagna fino alla zona rossa del contagiri e una elasticità davvero invidiabile. Per non parlare del sound che il bello scarico Akrapovič (di serie sulla nostra special edition Jindachi) emette. E quando la strada diventa guidabile, la Katana diventa divertente. Molto divertente. E gran parte del merito lo attribuisco anche alla ciclistica. Sempre dal cassetto delle GSX-R1000 arriva il forcellone, mutuato dalla 2016, mentre forcella e mono sono KYB, completamente regolabili.

0 KM

250 KM

750 KM

1000 KM

IL VIDEO DELLA PROVA

Commenta per primo