Moto e Scooter elettrici
Incentivi anche nel 2020

Il decreto milleproroghe conferma anche gli incentivi per moto e scooter elettrici. Ecco come funziona e quanto si risparmia

22 dicembre 2019 - 12:45

INCENTIVI SCOOTER ELETTRICI SI CONTINUA NEL 2020

 

Era uno degli argomenti in discussione tra i tanti di cui si doveva occupare il consiglio dei ministri. Ora che è stato approvato il decreto Milleproroghe possiamo confermare, non senza una certa soddisfazione che anche per il 2020 moto e scooter elettrici potranno godere di nuovi incentivi all’acquisto.

Come funzionano gli incentivi per scooter elettrici? Per accedervi occorre rottamare un motorino/scooter con omologazione Euro 0- Euro 1- Euro 2- Euro 3. L’incentivo statale riconosciuto per l’acquisto di un nuovo veicolo elettrico sarà pari al 30% del prezzo d’acquisto fino a un massimo di 3.000 euro. Il che, considerando i prezzi della maggior parte dei migliori scooter elettrici, fa capire come si tratti di un valore molto importante. In sostanza, il decreto Milleproroghe ha confermato quanto proposto dal governo precedente.

DI DIECI MILIONI NE AVANZANO QUASI NOVE

Curioso comunque che nonostante le proposte di incentivo non tutti le sfruttino. Nel 2019 i fondi messi a disposizione per l’acquisto di moto e scooter elettrici ammontavano a 10 milioni di euro, ma ne è stato utilizzato poco più di uno. Ecco perché non è stato necessario nemmeno rifinanziare gli incentivi; i fondi sono ancora disponibili in gran parte.

C’è da chiedersi però come mai gli incentivi non hanno avuto successo. I motivi sono più di uno: nel 2019 l’ecobonus per scooter elettrici era arrivato a inizio estate quando sul mercato due ruote gran parte dei giochi sono già stati fatti. Inoltre, vizio tipico italiano, le procedure per accedere all’incentivo per moto e scooter elettrici era macchinoso. Insomma ti faceva passare la voglia.

IL RUOLO DI ANCMA

In una nota di una decina di giorni fa ANCMA aveva sollecitato il governo perché prorogasse gli incentivi a moto e scooter elettrici, temendo il rischio che la misura potesse decadere a differenza di ciò che avviene con le auto elettriche ed ibride, soggette a un piano di incentivi triennale (2019-2021) che ha visto stanziati altri 15 milioni di euro. Cita la nota di ANCMA:  “Un solo anno di vigenza, peraltro con difficoltà di applicazione nei primi mesi, non può consentire uno sviluppo adeguato e una programmazione delle attività da parte delle aziende presenti sul mercato“. Insomma non rinnovarli sarebbe stato un clamoroso autogol.

SIAMO A UN BIVIO

Ora invece si potrà continuare, una scelta importante in un momento in cui il mercato soprattutto quello degli scooter compatti con cilindrata attorno ai 125 cc, mezzi perfetti per la città sta vivendo un momento interlocutorio, in attesa che il grande pubblico decida che strada prendere. L’arrivo degli scooter sharing sta facendo un po’ da “volano” a questo tipo di mobilità. Usando questi scooter in città gli utenti si rendono conto del fatto che usare scooter elettrici in città è una cosa fattibile e il pensiero all’acquisto è il passo immediatamente successivo.

PIÙ NOVITÀ ELETTRICHE CHE TERMICHE

Per questo a EICMA 2019 le novità nel segmento degli scooter compatti da città a motore endotermico non sono state moltissime (fa eccezione il nuovo Honda SH che combatte gli elettrici con ben 44,6 km/litro dichiarati), mentre nel segmento dei migliori scooter elettrici non è mancata una certa vivacità, il cui gli italiani recitano un ruolo importante. Insomma è un momento fondamentale per capire da che parte andrà il mercato e gli incentivi (a disposizione ci sono ancora oltre 8 milioni e mezzo sui 10 milioni di partenza) se ben applicati potranno dare certamente un impulso a questo segmento.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Harley-Davidson Softail
il mondo si evolve

Honda Africa Twin Tour 2020

Honda Africa Twin Tour 2020
destinazione Balcani

Askoll scooter promozione 2020

Askoll
l’elettrico in promozione a Tasso Zero