Moto Guzzi V85 TT pronta all’uso

Intermot 2018 tiene a battesimo la versione definitiva la V85 TT, ovvero la visione di Moto Guzzi del segmento mid enduro. Tutta nuova dal motore alla ciclistica. È la Guzzi più moderna di sempre

29 settembre 2018 - 9:09

Non è una novità assoluta perché già lo scorso anno in occasione di EICMA avevamo avuto modo di vederla sotto forma di concept. Che tanto concept non era. La conferma arriva ora con Intermot 2018, dove la Moto Guzzi V85 TT arriva in forma definitiva affiancando alla versione con aggressiva colorazione Baja (dotata nelle foto di gomme con artiglio “soft”) la colorazione più elegante con tanto di tripla borsa e barre paramotore.

L’idea di Guzzi che definisce la V85 TT una classic enduro di proporre una moto “media”, e non un colosso da 1200 cc, mi piace molto. La Moto Guzzi V85 TT mostra dimensioni a misura d’uomo e probabilmente peserà di conseguenza. Anche se non sono ancora state svelate misure e pesi, -il che è curioso visto che si tratta di una versione definitiva- già sappiamo che il motore V2 850 cc raffreddato ad aria e dotato di Ride by Wire è stato interamente riprogettato dai carter all’imbiellaggio. Ha addirittura valvole in Titanio ed è capace di erogare circa 80 cv con 80 Nm di coppia.

Rispetto al prototipo presentato a EICMA, sono come era lecito aspettarsi scomparsi alcuni componenti di pregio come forcella e monoammortizzatore Ohlins, rimpiazzati da unità più semplici (la forcella ha le regolazioni solo sullo stelo destro). Anche se non è detto che le “gialle” sospensioni svedesi non siano proposte come optional.

Inedita, per Moto Guzzi anche la strumentazione, interamente digitale con un compatto cruscotto TFT e predisposizione per il Multimedia Platform, il sistema di connessione con lo Smartphone che il gruppo Piaggio ha ormai lanciato da tempo.

Ipotesi di prezzo? Dagli 11 ai 12.000 euro.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Prova Rieju NUUK 110
L’anticonformista

Promozioni moto: Suzuki lancia la campagna estiva per GSX-S750 

Yamaha R1 2020
Tutto sulla nuova Superbike di Iwata