Askoll Dixy, due gemelli per la città

Comodo per due, più protettivo e in grado di percorrere fino a 71 km con un pieno di energia. Il nuovo Dixy arriverà in primavera.

6 novembre 2019 - 11:29

L’azienda vicentina porta a EICMA 2019 una nuova famiglia di scooter elettrici composta da due versioni, con batteria singola o doppia.
Dal 2015 Askoll si è guadagnata una posizione di primo piano nel mercato degli scooter elettrici e ora il marchio veneto punta a consolidare la sua leadership con la nuova gamma Dixy, presentata a EICMA 2019. Questa famiglia si compone di due modelli esteticamente identici e strizza l’occhio a un pubblico più esigente, con dimensioni più generose, un’ampia sella biposto e una carrozzeria dallo scudo più protettivo, disegnata con la collaborazione di Italdesign.

Lascia o raddoppia?

Il modello entry level è l’Askoll Dixy1, che ha una potenza massima di 1,5 kW e una coppia di 130 Nm, raggiunge la velocità massima di 45 km/h e ha un’autonomia di 45 km, grazie a un pacco di batterie agli ioni di litio con una capacità di 1.045 Wh e un peso di 7,6 kg.
Il Dixy2 monta invece il doppio degli accumulatori, per 2.090 Wh totali e un’autonomia di 71 km. Il tutto a fronte di un aumento della potenza a 2,2 kW, mentre coppia e velocità massima restano identiche a quelle del fratello. In entrambi i casi le batterie possono essere estratte dallo scooter per essere ricaricate presso una qualsiasi presa di corrente con una velocità di tre ore per kWh.

Questione di dettagli

Altre differenze riguardano l’impianto frenante: il DIXI1 ha il freno anteriore a disco da 190 mm e quello posteriore a tamburo, mentre il Dixy2 può contare su una coppia di dischi, entrambi da 190 mm. A livello poi di colori, il DIXI2 offre più scelta, aggiungendo il silver e il verde all’assortimento dell’1, composto da bianco pastello, antracite e rosso. A fare da denominatore comune sono infine la forcella telescopica, il monoammortizzatore e gli pneumatici 80/80-16″ anteriore e 90/80-16″ posteriore.

Gli Askoll Dixy arriveranno sul mercato nella primavera 2020 con prezzi a partire da 1.990 euro.

E c’è di più

Dopo una fase di sperimentazione, che ha coinvolto due città con una fornitura di circa 300 e-bike, la bicicletta a pedalata assistita eBsharing ha assunto la sua versione definitiva. Il valore aggiunto rispetto ad altre tipologie di sharing è nella possibilità di una diversa gestione del servizio grazie alla batteria asportabile, completamente gestita dall’utente. Una vera e propria power bank leggera, compatta, portatile e multifuzionale, che servirà sia per attivare eBsharing sia per ricaricare i propri device.

Progettato e sviluppato per la mobilità condivisa e per affrontare anche manti stradali irregolari, eKick è dotato di tre ruote, una anteriore e due posteriori. Il motore elettrico brushless Askoll ad alta efficienza energetica è posizionato nella ruota anteriore ed è alimentato da una batteria agli ioni di litio con una capacità complessiva di 400 Wh e 2,6 kg di peso che garantisce 35 Km di autonomia.
Dotato di tracker GPS, telemetria e connettività wireless, è caratterizzato da un design pulito ed elegante: tutti i cavi sono nascosti nel telaio e la batteria, estraibile, è posizionata all’interno della pedana, garantendo così una maggiore stabilità.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Torna il Trofeo Derapage Vent dedicato ai giovani piloti

Horus e Flyon by Caberg

Le migliori moto 125 presentate a EICMA 2019