Prova Benelli Leoncino 500 Trail, a day off

Una giornata di vero relax, a zonzo, lontano da Milano: poche curve e tanto caldo ma molto gusto e una compagna perfetta.

12 luglio 2019 - 18:55
MOTORE
2 cilindri in linea, 500 cc
PRESTAZIONI
47,6 cv / 46 Nm
PREZZO
5.990 euro f.c.

Dalla città alla verzura, costeggiando il Naviglio e divagando per cascine. Una fuga dalla canicola alla ricerca del refrigerio, un po’ Peter Fonda di “Easy rider” un po’ Renato Pozzetto de “Il ragazzo di campagna”

BEI RICORDI

Del Leoncino mi ero invaghito quando partecipai al lancio stampa, nel 2017, per cui quando in redazione ha fatto la sua comparsa la versione Trail, la curiosità di provarlo in questa conformazione con ruota da 19″ ci ha messo poco per farsi strada.
A convincermi, nel corso di quella prova sui colli romagnoli, furono il feeling immediato, l’equilibrio generale, la fluidità e le dolcezza del motore. Il Leoncino mi era sembrata una motocicletta fatta per un passeggio di gusto, ma pronta anche a regalare piacevoli emozioni (quelle forti non le promette…) quando la strada si fa invitante.

QUALCOSA È CAMBIATO

Dell’arrivo della versione Trail si parlò già al momento della presentazione del primo Leoncino. Si sapeva che sarebbe stata una declinazione più trasversale, con gomme moderatamente tassellate e ruota anteriore da 19″, che strizzasse l’occhio al genere Scrambler e permettesse qualche divagazione soft oltre l’asfalto. E così è stato. Fedele alle promesse, motore e ciclistica restano invariati, con l’unica concessione di un’escursione delle sospensioni leggermente maggiore: 138 mm invece di 112 mm al posteriore e 135 mm invece di 125 mm all’anteriore. Aumenta anche l’altezza della sella, da 785 mm a 835 mm, che non influisce però sulla possibilità di poggiare bene entrambi i piedi a terra. Si allunga un po’ anche l’interasse, 1.470 mm da 1.443 mm, ma si tratta di variazioni impercettibili. Più evidente, invece, il passaggio dalle ruote in lega a razze a quelle, con mozzo sempre in lega, ma a raggi, un must quando si calzano pneumatici con almeno un accenno di tassello come le Metzeler Tourance.
Come già il Leoncino, anche la versione Trail è disponibile nelle tre colorazioni Nero, Rosso e Argento.

A DAY OFF

Lo spirito con cui abbiamo affrontato la nostra prova è stato proprio questo: un giorno di stacco. Pochi pensieri e tanta voglia di uscire dalla città e riempirsi gli occhi di verde e di polvere. Jeans, tee-shirt, scarpe da ginnastica, casco jet e ray-ban… Come da ragazzo, quando con i 125 si andava al Ticino o sul lago Maggiore a prendere il fresco. Cambiano i tempi, cambia la moto ma le sensazioni sono ancora le stesse. Merito anche della piacevolezza del motore del Leoncino, che alimenta il gusto di trotterellare senza quasi usare il cambio, sfruttando l’elasticità del bicilindrico, piegando dolci e facendosi bastare le poche curve che regalano le avare terre tagliate dai Navigli.

GRANITE E MIRAGGI

Una giornata torrida, di quelle in cui anche girare in moto è faticoso. Sotto il casco la testa bolle e i pensieri si popolano di immagini sotto zero, con i colori del gelato e la consistenza della granita. Ma già dieci minuti dopo la prima sosta, al gusto di mandarino, la canicola è tornata a contorcere i ragionamenti e mi ha fatto cadere vittima del più classico dei miraggi: la fonte zampillante… Nemmeno il tempo di valutare la situazione che, come un Mosè a motore, la stavo attraversando bagnato fino all’ombelico. Zuppo ma fresco, per tutto il resto del giro, che da lì in poi si è fatto anche interessante in quanto a piacere di guida. Saliscendi nel bosco, qualche divertente infilata di curve, sterrate polverose in mezzo a campi di mais e di girasole dalla testa enorme.

CHE VUOI DI PIÙ

Se la madre di tutti i Leoncino mi era piaciuta, nella versione Trail guadagna qualche punto alla voce “eclettismo”. Non che le gomme semitassellate facciano miracoli, intendiamoci, però allargano ancora un poco l’orizzonte di chi impugna il manubrio, aprendo rotte meno battute e più polverose. Non pensate a sconnesse mulattiere, ma a strade bianche e carrarecce da affrontare in piedi sulle pedane. La ruota anteriore da 19″ non toglie nulla alle qualità dinamiche, che non sono e non vogliono essere da sportiva. Semmai, si fa apprezzare nella guida cittadina, dove il Leoncino Trail si disimpegna agile fra le auto, incurante di tombini, rotaie e pavé; e poi, non neghiamolo, i cerchi a raggi stanno proprio bene.
Come già notato a suo tempo in sella al primogenito della famiglia, resta la sensazione di una sospensione posteriore un po’ morbida, che se da un lato privilegia il comfort, quando si vuole alzare un po’ il ritmo si preferirebbe più sostenuta. È comunque possibile regolarne il precarico e trovare il giusto compromesso.
Nel frattempo, con il passare dei chilometri, il sole si è abbassato, il caldo lo ha seguito e i jeans si sono asciugati. Ora me la godo davvero e mi diverto a cercare le strade più piccole fra i campi, asfalto o terra fa lo stesso. L’importante è che guardino verso Ovest e mi portino dai pesciolini fritti dell’Osteria del Ponte.

foto HLMPHOTO – Martina Folco Zambelli

Pro

  • Facilità e feeling
  • Elasticità motore
  • Rapporto qualità/prezzo
  • Personalità

Contro

  • Sospensione posteriore morbida

Commenta per primo