Audi Q4 e-tron, i “nuovi interni” Audi. Punto per punto

Dai comandi vocali evoluti alla realtà aumentata, senza dimenticare spazio e flessibilità Audi sposta l’asticella più in alto

Tante informazioni, di facile consultazione

Per massimizzare la leggibilità delle (tante) informazioni che un’auto come la Q4 e-tron è capace di generare, invece, ecco l’head-up display dotato di realtà aumentata. In pratica, le informazioni più importanti vengono proiettate direttamente sul parabrezza. Fin qui, nulla di nuovo. La Q4 e-tron ci aggiunge però la disposizione su due livelli diversi: in quella più bassa trovano spazio indicazioni come la velocità, la navigazione e i segnali stradali, organizzati in modo che il cervello le percepisca come se fossero a una distanza di circa 3 metri. Nella parte superiore c’è invece una nuova sezione riservata alla realtà aumentata: vengono riprodotte informazioni come le indicazioni di svolta o gli alert di alcuni sistemi di assistenza alla guida. Queste indicazioni vengono visualizzate dinamicamente e sono sovrapposte alla visuale del guidatore, in modo che il cervello le percepisca a una distanza da circa 10 metri in su.

L’head-up display in realtà aumentata è solo la punta dell’iceberg di una serie di novità meno appariscenti, molte delle quali inserite nelle tecnologie già presenti sulle Audi. Lo schermo touchscreen del sistema di infotaiment MIB 3, ad esempio, sarà disponibile entro la fine dell’anno anche con diagonale da 11”6 con risoluzione 1.764 x 824 pixels. Non mancano, infine, le superfici touch con feedback tattile sul nuovo volante a due razze.

Più spazio a parità di ingombro
C’è posto anche per le piccole e grandi cose
Qualità ai massimi livelli
Tante informazioni, di facile consultazione