Audi RS4 rossa statica

Audi RS4 restyling, infotainment evoluto, “sguardo” più malizioso

Ai ritocchi di “fino”, soprattutto nel frontale, si aggiungono alcune novità di sostanza

2 ottobre 2019 - 14:12

E’ sul mercato da meno di 2 anni, la RS4, ma come sempre accade per le versioni più estreme di Casa Audi, le dinamiche di mercato sono leggermente diverse dal resto della gamma. Ecco perché è già tempo di cambiare, anche se in modo appena percepibile. E per mettere subito tranquilli i possessori della RS4 attualmente in commercio (la nuova sarà nelle vetrine nel primo trimestre del 2020), sappiate che la potenza e la coppia rimangono invariate, a 450 cv e 600 Nm (sempre fra 1.900 e 5.000 giri) rispettivamente.

Un lavoro di fino

Come le sorelle A4 “normale”, S4 e allroad, anche la RS4 sposa le nuove linee del modello, rivisto con una certa “urgenza” dato il debutto della nuova BMW Serie 3. Nello specifico, la mascherina si fa più schiacciata e minacciosa (come su RS6 e RS7), così come le griglie che danno ossigeno e refrigerio al V6 2.9, mentre i proiettori anteriori, se si opta per la tecnologia matrix led, sono fumé. Immancabile poi la griglia 3D a nido d’ape, nel classico nero lucido di tutte le RS.

Prestazioni invariate, consumi in ribasso

250 km/h di velocità massima (280 km/h, sempre limitata elettronicamente, optional) e 4,1 secondi per scattare da 0 a 100 km/h: i due valori “fondamentali” relativi alle prestazioni non cambiano, così come le caratteristiche di immediatezza di risposta del motore. Un V6 con i turbocompressori montati all’interno delle bancate e condotti di aspirazione all’esterno.

Infotainment più moderno

Come sul resto della gamma A4, anche sulla RS4 arriva l’ultima evoluzione del sistema di infotainment. Addio dunque alla rotella centrale, benvenuti comandi vocali “intuitivi”, capaci cioè di recepire i comandi vocali senza bisogno di utilizzare formule predefinite. Debutta inoltre la funzionalità Car-to-X, capace cioè di mettere in contatto la vettura con l’infrastruttura, qualora quest’ultima sia “intelligente” (per esempio: semafori in grado di consigliare la velocità giusta per incrociare l’onda verde). Altra piccola differenza rispetto a prima la si può riscontrare nei paddles del cambio più ampi rispetto a prima.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Porsche, a Franciacorta il primo Experience Center italiano

Porsche 911 996

Youngtimer – Porsche 911, la rivoluzione della 996

Alfa Romeo Giulia Elettrica ECTR Romeo Ferraris

Alfa Romeo Giulia Elettrica ETCR
Pronta per la pista