Auto elettriche, considerarle l’unica scelta è un rischio: le Case contro i governi

Che la transizione elettrica non sarebbe stata una strada facile era chiaro fin da subito. I nodi legati alle priorità economiche iniziano ad emergere.

I tedeschi dicono la loro: BMW controcorrente

Anche i tedeschi di BMW procedono con i piedi di piombo rispetto ai cugini di Volkswagen. Nonostante la Casa di Monaco di Baviera stia lavorando al lancio di molteplici veicoli a batteria – come le attuali i3, iX3 o BMW iX – il CEO Oliver Zipse ha affermato che BMW non abbandonerà molto presto i motori tradizionali.

colonnine ricarica come funzionano
Audi e-Tron in ricarica

Zipse ha inoltre sottolineato l’importanza del mercato e della clientela facendo notare che nei prossimi anni non tutti gli scenari in cui sarà presente BMW saranno passati totalmente all’elettrico – sia come parco auto sia come infrastrutture:

Chi prende le vere decisioni nel nostro settore sono i clienti e non bisogna mai perderli di vista. Se un produttore non ha più alcuna offerta di motori a combustione, allora metà del volume di mercato andrà perduto e si ritroverà su un percorso imprenditoriale discendente.

Leggi anche: “BMW M3 e M4: le prime sensazioni dalla pista

Auto elettriche: Case contro i governi

L’opinione degli esperti: limiti di CO2 troppo bassi

I pionieri dell’ibrido: non solo 100% elettriche

I tedeschi dicono la loro: BMW contro corrente