Auto elettriche: sono più pericolose di un’auto normale?

Dopo aver sfatato miti come la combustione spontanea delle batterie, ci accorgiamo di quanto un’auto elettrica sia sicura come un’auto “normale”.

La percezione del rischio

Alcune tecnologie, al momento del loro sviluppo, possono sembrare estremamente pericolose per poi risultare sempre più accessibili al pubblico nel momento in cui vengono fatti passi avanti in termini di sicurezza. L’idea di far esplodere una miscela infiammabile ad alta pressione a poca distanza da una persona non sembra certo qualcosa di sicuro. Eppure, ogni auto a combustione interna può essere rappresentata come un contenitore di carburante in movimento che, in modo controllato, fa esplodere ogni secondo una certa quantità di combustibile.

Eppure, giustamente, non abbiamo la percezione di correre alcun rischio, ogni volta che saliamo su un’auto con motore endotermico. Perché? La risposta non è certo banale e per ottenere questo risultato abbiamo dovuto attendere decenni, non esenti da incidenti. I veicoli elettrici stanno affrontando lo stesso delicato passaggio volto ad acquisire la fiducia dei consumatori; alcuni di essi, se non altro.

La sicurezza è più importante dell’autonomia

La percezione del rischio

Perché un’auto (tradizionale) prende fuoco?

Le batterie sono pericolose?

Anche le elettriche sono “certificate” EuroNCAP