Dacia Duster, col nuovo 1.0 turbo fa il salto di qualità

Il motore entry level diventa il 3 cilindri da 100 cv, che taglia consumi ed emissioni. E alza il livello della SUV del marchio rumeno

Non chiamatela (più) low cost. La Duster – ma il discorso si potrà estendere sempre più a tutta la gamma Dacia – è stata la prima auto del marchio rumeno a smarcarsi dalla vecchia filosofia. Quale? Quella dei prezzi stracciati a fronte di una tecnologia due, tre, a volte quattro passi indietro rispetto alle auto di ultima generazione. Il nuovo corso prevede listini ancora molto aggressivi, magari meno “stracciati”, ma una tecnologia solo un passo indietro. Oppure nemmeno uno, quando ci sono di mezzo le normative anti inquinamento e i vecchi motori devono essere sostituiti da quelli più moderni.

Prestazioni analoghe

dacia duster techroad tre quarti posterioreCome detto, la cilindrata del nuovo motore è di un litro. I cilindri sono tre e, grazie anche al turbo, la potenza è di 100 cv. La nuova unità impiazza la vecchia da 1,6 litri, aspirata da 115 cv. E se è vero che la potenza diminuisce, è vero anche che la coppia rimane sostanzialmente invariata: 160 Nm per il 1.0, 156 Nm per il 1.6. Il che significa avere risposte uguali a quelle di prima al pedale del gas, se non migliori, grazie al fatto che la sovralimentazione abbassa il regime di erogazione della coppia stessa.

Giù consumi ed emissioni

Il nuovo entry level si potrà abbinare (le vendite inizieranno a fine autunno) alla sola trazione anteriore e al cambio manuale a 5 marce; promette una taglio dei consumi e delle emissioni di Co2 di un importante 18%. La gamma motori della Duster diventa dunque la seguente: oltre al nuovo 1.0, 1.3 benzina, da 130 e 150 cv, e 1.5 diesel da 95 e 115 cv.