Dacia Spring, prova dell’elettrica davvero per tutti

Meno di 20.000 euro di listino, meno di 10.000 con gli incentivi. E tutto quello che serve per la città

Batterie e autonomia

E le batterie, vero cuore di ogni veicolo elettrico, ciò che ne determina prestazioni, autonomia, peso e costo? Sulla Spring c’è un pacco agli ioni di litio da 27,4 kWh di capacità, per 230 km di autonomia dichiarata secondo il ciclo WLTP. E non vedo l’ora di riprovarla un po’ più a lungo per farmi un’idea precisa sull’autonomia. In questa prima presa di contatto, svolta al 90% in città e per il 10% in extraurbano, ho avuto l’impressione che i 230 km siano assolutamente realistici; ovviamente, nel caso in cui si faccia anche solo un 20-0% di tangenziale le percorrenze cambiano.

Ho avuto l’impressione che i 230 km siano assolutamente realistici; ovviamente, nel caso in cui si faccia anche solo un 20-0% di tangenziale le percorrenze cambiano

Tornando alla capacità delle batterie, la Twingo elettrica per esempio si ferma a 22 kWh e la 500 elettrica base fa poco meglio 23 kWh. 18 kWh invece per la smart. Insomma, fra le citycar, quella con la batteria più grande è proprio la Spring. Quella che costa meno, segno che in Dacia sulle batterie non hanno lesinato.

Dacia SPRING vista posteriore