Fiat 600, una storia gloriosa, messa in ombra dalla 500

La 500 l’ha surclassata nelle vendite e, ancor di più, nella memoria. “Riabilitiamola”

10.000 lire all’anno di tassa di circolazione

Se è vero che la 600 è “troppo” cara, almeno rispetto alla 500, è vero anche che si tratta comunque di un’auto assolutamente abbordabile. Nel prezzo e nei costi di gestione. La limitata potenza fiscale – 9 CV – permette infatti di contenere la tassa di circolazione entro le 10.000 lire, nel 1955.Il motore è un quattro cilindri di 633cc ad aste e bilanceri alimentato da un carburatore Weber da 22. Un propulsore che si accontenta di poca benzina. Secondo i rilevamenti della stampa specializzata dell’epoca, un litro basta per percorrere oltre 14 km, su strada.Progettata da Dante Giacosa, come la 50010.000 lire all’annoPrestazioni all’altezzaCome tu la vuoiPer chi vuole emozioni forti, la Abarth