Maserati Levante: sfuggono le linee

Per una “falla” nel sistema di sicurezza dell’ufficio brevetti australiano, sono stati svelati i disegni della prima SUV della storia del Tridente. Debutterà nel 2016.

Delle mani verranno tagliate! Questa è la naturale e inevitabile punizione che spetterà al malcapitato funzionario australiano, lasciatosi “scappare” i disegni dei brevetti della nuova SUV Maserati Levante.MaseratiLevante-003La prima Sport Utility del Tridente, destinata a essere prodotta nello stabilimento di Mirafiori, verrà svelata a breve, ma la linea, da alcuni giorni, non è più un mistero a causa di una “falla” nel sistema di tutela dei documenti dell’ufficio brevetti australiano. Il design appare un mix tra i tratti caratteristici della concept Kubang, presentata al Salone di Francoforte nel 2011, e della show car Alfieri; vale a dire la coupé mostrata lo scorso anno a Ginevra. Da quest’ultima, in particolare, Levante riprende l’abitacolo arretrato, il cofano motore con un notevole sviluppo in lunghezza e i parafanghi caratterizzati da un marcato andamento longitudinale che si raccorda con le linee di coda.MaseratiLevantedisegni-001Sarà una rivale diretta di Porsche Cayenne. Da Ghibli e Quattroporte deriveranno il sistema di trazione integrale Q4, i motori e il cambio automatico a 8 rapporti del tipo mediante convertitore di coppia. Sotto il cofano dovrebbero pulsare il V6 3.0 td da 250 o 275 cv e i benzina Made in Maranello, pertanto d’origine Ferrari, V6 3.0 biturbo a iniezione diretta da 350 o 420 cv e V8 3.8 biturbo – di derivazione California T – da 530 cv, cui si aggiungerà, molto probabilmente, una versione spinta del 3.0 td, portata a 320/350 cv. E l’ibrido plug-in? Non è escluso. Tale tecnologia verrà portata al debutto dalla monovolume americana Chrysler Town & Country nel 2016 e, successivamente, declinata dal Gruppo FCA in chiave sportiva, adattandola al carattere (e al blasone) della Levante.MaseratiLevantedisegni-003La tabella di marcia in vista della commercializzazione della SUV del Tridente prevede il debutto gli esemplari di preserie a giugno e a gennaio 2016, subito dopo il Salone di Detroit, il via alla produzione vera e propria. L’obiettivo della Levante è di “saturare” il 50% della produzione Maserati, stimata in 75.000 unità entro il 2018. Un orizzonte tutt’altro che modesto.