Mercedes-Benz Classe E Coupé: lo sport è hi-tech

La coupé 2+2 tedesca cresce nelle dimensioni e in abitabilità. L’abitacolo, l’entertainment e le dotazioni di sicurezza derivano dalla Classe E berlina e sono al top della categoria. Gamma motori con potenze da 184 a 333 cv.

14 dicembre 2016 - 15:12

Un classico che si rinnova. Mercedes-Benz amplia la gamma della nuova Classe E presentando la variante Coupé, destinata ad affiancarsi alla berlina e alla wagon. Attesa in Italia a metà del 2017, debutterà ufficialmente al prossimo Salone di Detroit (8-22 gennaio) e sarà più lunga di 12 cm rispetto al precedente modello.

Slanciata, affilata ed elegante, la nuova coupé di Stoccarda riprende gli stilemi tipici delle “cugine” Classe C e Classe S, cui si affiancano una crescita nell’interasse di oltre 11 cm e un ampliamento di entrambe le carreggiate nell’ordine dei 6,8 cm. Variazioni che promettono di conferire alla 2+2 tedesca uno spazio a bordo più generoso, specie per i passeggeri posteriori, una maggiore impronta a terra e una stabilità da riferimento. Tra le particolarità spiccano le luci posteriori a LED con funzione di benvenuto: si accendono in sequenza dal centro verso l’esterno, o viceversa, quando si aziona la chiusura centralizzata. Nessuno stravolgimento in abitacolo dove, analogamente alla berlina e alla wagon, spicca il “tablet panoramico” a doppio schermo da 12,3 pollici che domina la plancia e permette di visualizzare sia le informazioni affidate alla strumentazione sia le opzioni del sistema d’infotainment. La grafica, ampiamente personalizzabile, può essere gestita anche mediante i nuovi comandi touch lungo le razze del volante, simili nell’utilizzo a uno smartphone.

Restando in abitacolo, sono una prerogativa di Classe E Coupé le bocchette d’aerazione di derivazione aeronautica, ispirate alle turbine dei jet, mentre il sistema multimediale top di gamma Comand Online integra gli standard Android Auto e Apple CarPlay per il dialogo privilegiato con i device portatili, oltre a raffinatezze quali l’hotspot Wi-Fi e svariati servizi online tra i quali il Concierge personalizzato, utile per prenotare ristoranti o alberghi. Da tradizione, finiture esclusive e combinazioni di materiali dedicate distinguono la coupé dalla berlina, mentre al lancio la gamma motori potrà contare su di un unico motore turbodiesel a 4 cilindri da 2,0 litri (E220 d), accreditato di 195 cv e 400 Nm di coppia, oltre che su due proposte a iniezione diretta della benzina: 4 cilindri 2.0 turbo negli step da 184 cv (E200) o 245 cv (E300) oppure 6 cilindri a V 3.0 biturbo da 333 cv (E400 4Matic). Quest’ultimo abbinato alla trazione integrale.

Tutti i propulsori adottano una trasmissione automatica a 9 rapporti del tipo mediante convertitore di coppia, mentre l’assetto, ribassato di 15 mm rispetto a Classe E berlina, può avvalersi di sospensioni tradizionali, regolabili o adattive di tipo pneumatico. Da riferimento la dotazione di sicurezza. La guida semi autonoma Drive Pilot, ad esempio, permette di seguire l’andamento del traffico, cambiare corsia e sorpassare senza che il guidatore faccia nulla. Funzioni basate sull’interazione dello Steering Pilot, vale a dire il dispositivo che gestisce autonomamente lo sterzo, e la tecnologia Active Lane Change Assist, attiva qualora il conducente azioni l’indicatore di direzione per più di due secondi e in grado di spostare la vettura nella corsia di sorpasso riportandola successivamente in quella di marcia grazie all’interazione tra radar, sensori, telecamere e navigatore. Soluzioni raffinate al pari della tecnologia Car-to-Car, che sfrutta lo scambio d’informazioni con gli altri veicoli per anticipare i pericoli celati alla vista, e al parcheggio autonomo attivabile a distanza. Classe E Coupé è sì sportiva, ma hi-tech.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Coronavirus, ecco perché si tornerà a usare l’auto privata (chi ce l’ha)

Dall’Alfa Romeo Giulia al Maggiolino, a volte ritornano. Promossi e bocciati

SUV ibridi plug in: Volvo XC40 vs Audi Q5 vs BMW X1 vs MINI Countryman