Porsche 911 RSR: la prima a motore centrale

La nuova vettura da competizione tedesca è la prima 911 al mondo caratterizzata dalla collocazione centrale anziché a sbalzo del propulsore. Al debutto alla 24Ore di Daytona, punta al vertice nel Mondiale Endurance. Adotta un 6 cilindri boxer 4.0 da 510 cv.

Talmente estrema da non sfigurare in un videogioco. E allo stesso tempo tanto rivoluzionaria da rompere con la tradizione. La nuova Porsche 911 RSR, “arma” della Casa tedesca per le competizioni di durata, scardina gli schemi e passa dalla configurazione tecnica con il motore a sbalzo, caratteristica dell’iconica 911 dalla quale deriva, alla collocazione centrale del propulsore.porsche911rsr-005RSR è una denominazione che affonda le radici nella storia Porsche, risalendo al 1973 quando, per la prima volta, la 911 Carrera RS 2.7 – riconoscibile per il celebre alettone “a coda d’anatra” (ducktail) – venne destinata all’impiego agonistico, seguita dall’ancor più estrema versione racing su base Carrera RS 3.0. Da allora, per la Casa di Stoccarda “RSR” è sinonimo d’attività in pista e, soprattutto, di vittorie. Successi che promette di conquistare anche la più recente evoluzione sul tema, caratterizzata, come accennato, da una vera e propria rivoluzione tecnica. Il propulsore, infatti, anziché a sbalzo rispetto all’asse posteriore come per tutte le 911, è stato spostato davanti all’assale, trasformando di fatto la vettura in una sportiva a motore centrale.porsche911rsr-002L’RSR presentata nel 2015, dotata di un propulsore 6 cilindri boxer aspirato da 470 cv, ha fatto proprio il titolo virtuale di vettura GT di maggior successo al mondo. L’erede mira a confermare questo primato, forte di un 4.0 aspirato dall’architettura identica al predecessore e caratterizzato dall’iniezione diretta della benzina. Un’unità in grado di erogare 510 cv a fronte di un peso dell’auto contenuto in 1.243 kg. Inedita la trasmissione sequenziale a 6 marce alloggiata in una “scatola” in magnesio. La collocazione centrale del motore ha permesso l’adozione sia di un estrattore dalle dimensioni monstre sia di un alettone identico a quanto utilizzato dalla 919 Hybrid in categoria LMP1, a tutto vantaggio della deportanza, mentre la posizione di guida è ora fissa, complice la pedaliera regolabile in longitudine, e il roll bar è stato integralmente riprogettato.porsche911rsr-007La nuova RSR verrà impiegata per la prima volta a gennaio 2017, in occasione della 24 Ore di Daytona. Un debutto sulla lunga, anzi lunghissima distanza, che promette d’infiammare il Campionato grazie allo scontro con rivali del calibro di Ferrari 488 GTE, Chevrolet Corvette C7.R e Ford GT. Destinata alla categoria LM-GTE, sarà impegnata in 19 competizioni nel corso dell’anno, per un totale di oltre 140 ore di gara. Il team ufficiale parteciperà sia al Campionato Mondiale Endurance (WEC) sia alla serie americana IMSA WeatherTech Championship.porsche911rsr-006