Seat Ateca FR: il SUV ha un’anima sportiva

26 aprile 2017 - 23:04

Il marchio Seat ha la sportività incisa in modo indelebile nel proprio DNA. Un’inclinazione caratteriale impossibile da nascondere persino quando a Martorell hanno a che fare con una SUV. Ecco allora che la Ateca, la prima sport utility della storia della Casa spagnola, beneficia della versione FR (Formula Racing), sinora riservata alle “cugine” Ibiza e Leon.


Cerchi in lega da 19 pollici
L’allestimento FR contraddistingue le varianti più dinamiche dei modelli Seat – pur senza raggiungere l’apice delle prestazioni, riservato alle versioni Cupra – e, nel caso della Ateca, porta in dote alcuni accorgimenti estetici come la finitura total black delle cornici delle superfici vetrate, dei mancorrenti al tetto e della calandra, oltretutto caratterizzata da una mascherina dedicata. Specifici i paraurti, dal design aggressivo e forti d’inserti argento replicati lungo le minigonne, così come i fendinebbia a LED e i cerchi in lega da 19 pollici calzanti pneumatici 245/40.

Un nuovo 2.0 TSI da 190 cv
La personalizzazione legata alla “cura” FR continua in abitacolo, dove spiccano i battitacco e la pedaliera in alluminio, il volante in pelle con inserti nero lucido, i sedili sportivi rivestiti in Alcantara con impunture rosse a contrasto e la tinta nera del padiglione. L’allestimento FR, che si pone al vertice della gamma Ateca affiancando il livello Xcellence, è riservato alle motorizzazioni TDI (turbodiesel common rail) da 150 o 190 cv e TSI (turbo a iniezione diretta della benzina) d’analoga potenza. 2.0 TSI da 190 cv che, nello specifico, costituisce una novità assoluta. Trasmissioni, da tradizione, manuale a 6 marce o automatica a doppia frizione a 6 rapporti e trazione anteriore o integrale.


Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Dacia e Udinese Calcio, la partnership si rinnova

Volkswagen ID.4 in movimento gialla tre quarti anteriore

Volkswagen ID.4 contro Tesla Model Y e gli altri SUV elettrici

BMW Why Buy EVO

BMW Why-Buy Evo, guidare una BMW senza comprarla è ancora più facile. Ecco perché