TVR Griffith: la storia continua

24 ottobre 2017 - 16:10

È tornata. È davvero tornata. Dopo aver dato i natali a Tuscan e Sagaris, alcune delle vetture più “cattive” mai prodotte, e dopo essere caduta in disgrazia, la TVR rinasce e svela la prima creatura di una nuova era. Si chiama Griffith, è frutto della collaborazione con Gordon Murray e con la Cosworth e, soprattutto, riporta in auge il tema della sportiva inglese leggera ed essenziale, votata esclusivamente al divertimento.


Scocca multimateriale
Un ritorno in grande stile. Come del resto era auspicabile per un costruttore mai dimenticato dai fan delle auto estreme e artigianali. TVR che, come accennato, forte della collaborazione sia con l’ex progettista di Formula 1 Gordon Murray sia con lo specialista in motori Cosworth, dopo 11 anni di silenzio presenta ora una sportiva degna della propria fama. La nuova Griffith – il modello giunge così alla terza generazione – può infatti contare sulla trazione posteriore, il motore anteriore e una scocca multimateriale realizzata facendo ricorso all’acciaio e a pannelli in fibra di carbonio.


V8 5.0 di derivazione Ford Mustang
Pesa 1.250 kg e la distribuzione dei pesi prevede un’equilibrata ripartizione delle masse 50/50 tra avantreno e retrotreno. L’antipasto. La carrozzeria è interamente in carbonio. La prima portata. Sottopelle pulsa un V8 5.0 aspirato di derivazione Ford Mustang, modificato dalla Cosworth per erogare 500 cv. Il piatto principale! Il motore lavora in abbinamento a una classica trasmissione manuale a 6 marce. Il dolce. Il menu della nuova Griffith è a dir poco succulento. La vettura, lunga 4,31 metri, vale a dire 7 cm in meno di una Porsche 718 Cayman, pur essendo compatta non tradisce il classico look delle TVR caratterizzato dal cofano chilometrico, il padiglione arcuato e la coda a sbalzo.

Sfiora i 320 km/h
Potrà apparire old style nel look, ma senza dubbio non a livello tecnico. L’alettone posteriore, ad esempio, modifica la propria incidenza in funzione dell’andatura della vettura, mentre lo 0-100 km/h viene coperto in meno di 4 secondi e la velocità massima sfiora i 320 km/h. Prestazioni da vera supercar per un’auto che si annuncia relativamente abbordabile nel prezzo, secondo rumors insistenti prossimo ai 100.000 euro. La nuova Griffith debutterà su strada nel 2019 e verrà realizzata inizialmente in serie speciale, limitata a 500 esemplari. Seguiranno la variante roadster e una versione più estrema, destinata ai track day.


Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Seat Ibiza, Arona e Tarraco: in arrivo nuove motorizzazioni 

Mazda EV, una prima volta… elettrica

Nissan IMk, il concept cittadino ispirato alla cultura giapponese