BMW F 850 GS Adventure

6 novembre 2018 - 10:11

BMW F 850 GS Adventure secondo quanto dichiarato da BMW Motorrad ci permetterebbe a serbatoio pieno, sono 23 i litri di carburante di capacità, di partire da Monaco di Baviera e arrivare in EICMA a Milano senza sosta e senza la necessità di un rifornimento. Il dato è sicuramente interessante, certo non una sorpresa per chi ha già avuto modo di provare la F 850 GS. Il motore bicilindrico parallelo da 853 centimetri cubi e 95 cavalli di potenza, in effetti, non è per nulla assetato ed è in grado di percorrere quindi 24 km con un litro. Le prestazioni dichiarate sono di 3″8 secondi per accelerare fino a 100 km/h con partenza da fermo e una velocità massima di 197 km/h.
SI PARTE DALLE GS

Lo schema tecnico della BMW F 850 GS Adventure è noto e prende forma attorno al progetto della F 850 GS standard arrivato sul mercato la scorsa primavera e confrontato con le concorrenti con la ruota da 21” pollici nella nostra maxi-comparativa.

Il telaio è il moderno perimetrale in acciaio abbinato a un forcellone in alluminio e sospensioni che vedono una forcella rovesciata non regolabile accoppiata a un monoammortizzatore regolabile nel ritorno e nel precario della molla.
PIU’ ALTA, PIU’ SVELTA

Cambia rispetto alla versione standard l’escursione che cresce fino a 230 mm davanti (+26 mm), e 215 mm dietro (-4 mm) e anche l’altezza della sella che raggiunge gli 875 mm. Sono disponibili ben quattro altezze diverse: da un minimo di 815 mm fino agli 890.

Tenendo ben a mente i dati della sorella standard è interessante per capire quali cambiamenti siano stati apportati alla Adventure e non passa inosservata la diversa avancorsa di 124,6 mm rispetto ai 126 mm, quindi più chiusa per essere più agile e reattiva nelle curve, pur mantenendo lo stesso interasse di 1.593 mm. Una scelta dettata dall’esigenza di rendere meno percepibile il peso che per questa GS 850 cresce fino a 244 kg in ordine di marcia con serbatoio vuoto.
SCELTE DI GUIDA

Ritroviamo poi gli stessi temi tecnici affrontati con il lancio della motorizzazione 850. Di serie quindi le mappe Road e Rain e su richiesta le Dynamic, Enduro ed Enduro PRO con quest’ultima in grado di sfruttare l’opzione offroad dell’ABS che disattiva la ruota posteriore e ne permette il bloccaggio in caso di necessità. L’impianto frenante conferma il doppio disco anteriore da 305 mm e posteriore da 265 mm. Nel pacchetto di primo equipaggiamento troviamo un parabrezza regolabile in altezza su due posizioni che dovrebbe migliore sensibilmente la protezione dall’aria rispetto alla versione superslim della sorella standard.

Condivise molte scelte tecniche a partire dal display TFT da 6,5 pollici i proiettori luminosi anteriori a LED e l’avviamento Key-less e l’Intelligent Emergency Call per attivare il servizio di soccorso in caso di emergenza.
COME VESTIRLA
Pressoché infinita la gamma di accessori disponibile che parte da quattro basi certe che sono i quattro Package: Comfort, Touring Dynamic e Light a cui aggiungere dettagli per la più curata delle personalizzazioni.

Tre colorazioni disponibili. Rallye con base blu che richiama la sportività del marchio, Exclusive in grigio granito metallizzato e Adventure Icegrey in grigio chiaro.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Kymco Agility 300i ABS: versatile e potente

Yamaha MT-125 2020, arriva il motore a fasatura variabile

KSR Group, un mondo a due ruote