Nuova Renault Clio, una rivoluzione in 5 punti. Il test

A guardarla non si direbbe, eppure la Clio V non ha in comune nemmeno una vite con la precedente.

La rivoluzione della nuova Renault Clio

Nuova Renault CLIO arancione toscanaLa nuova Clio, la quinta generazione di un modello nato nel 1990, è stata svelata da Renault ormai da qualche mese. Insomma, gli appassionati la conoscono molto bene. Navigando fra siti specializzati e non, ma anche su YouTube, è chiara però una cosa: non tutti hanno capito che si tratta di una macchina completamente nuova. Non si tratta di un restyling del modello precedente. Un lavoro che, a detta di Renault, ha permesso di migliorare la macchina sotto moltissimi aspetti. E io sono andato in Toscana per cercare di capire quali. Vietato sbagliare. Prima di entrare nel merito, però, occorre fare una premessa importante. A far nascere l’equivoco sul “grado” di novità della francese è stata la continuità stilistica con il modello che l’ha preceduta. Una scelta dovuta, se si pensa che la Clio IV è stata la più venduta del suo segmento in Europa dal 2013 al 2018 e che lo scorso anno, in Italia, è stata non solo la straniera più venduta ma anche la seconda auto in assoluto. Insomma, cambiare fisionomia a questa auto sarebbe stato autolesionismo puro.